Punta Perotti in aiuto al Bari?

Una buona notizia nell’ambiente del Bari. Non si tratta di giocatori recuperati da infortuni (tra squalifiche e forfait, Ventura ha gli uomini contati), bensì di una questione strettamente legata alle vicende giudiziarie del patron dei biancorossi, Vincenzo Matarrese.
Il presidente, infatti, potrebbe incassare una cospicua somma di denaro dalla revoca della confisca delle aree di Punta Perotti, l’edificio che la sua impresa edile ha costruito nel lontano 1995, sul lungomare di Pane e Pomodoro.
Ebbene, quel capitale verrebbe reinvestito nel mercato di riparazione a gennaio, per dare a Ventura nuove forze in vista della seconda parte del campionato.
Il comunicato del Tribunale di Bari recita testualmente: “La restituzione delle aree arbitrariamente ed illegittimamente confiscate va considerata come un primo parziale risarcimento dei gravissimi danni patiti dalle società proprietarie dei suoli, compresi i Matarrese, a cui dovrebbe seguire la liquidazione da parte dello Stato degli ulteriori danni sulla base dell’attuale destinazione urbanistica dell’area di Punta Perotti. In mancanza di una immediata e soddisfacente liquidazione del risarcimento danni, la Corte Europea di Strasburgo provvederà direttamente a quantificare gli importi e ad ingiungere il pagamento allo Stato Italiano”.
I tifosi baresi sperano che nelle stanze di Strada Torrebella  ci sia l’effettiva volontà di potenziare la squadra, che langue all’ultimo posto in classifica, con soli 9 punti conquistati e reduce da 6 sconfitte nelle ultime 7 gare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *