Questione discarica La Martella, la replica di Stella

“Essere a corto di argomentazioni valide e, soprattutto, di fatti che spieghino come mai il Comune di Matera non abbia affrontato per tempo il tracollo della vicenda discarica La Martella, ha convinto il sindaco Adduce a scaricare su altri le proprie responsabilità.”
Franco Stella, già presidente della Provincia di Matera, risponde alle denigrazioni gratuite del primo cittadino ribadendo come: “la totale assenza del ruolo, denunciata da Adduce nel corso dell’ultimo Consiglio comunale, c’è stato, ma di quello del Comune. Infatti – prosegue Franco Stella – la pianificazione da parte della Provincia, che nulla ha a che vedere con i compiti e gli obblighi dell’Amministrazione comunale, era stata espletata e l’Ente aveva provveduto a completare tutte le operazioni, approvando il Piano e sollecitando lo stesso Comune a ottemperare ai propri di impegni. Due livelli differenti, quello della pianificazione provinciale e quello della gestione comunale, che molto probabilmente il sindaco confonde scientemente per evitare che i cittadini realizzino quanto fallimentare, anche in questo settore, sia stato il suo mandato.”
“Sarebbe stato onesto invece, per riprendere la dichiarazione del sindaco, – sottolinea l’ex presidente della Provincia – che il Comune di Matera avesse riconosciuto la propria inconcludenza, non chiamando in causa chi amministrativamente aveva fatto il proprio dovere e politicamente lo aveva anche sostenuto, contribuendo in maniera significativa alla sua vittoria. E forse quest’ultimo elemento ad averlo destabilizzato, visto che oggi quel sostegno è venuto meno.”
“La mia giunta – ricorda Franco Stella – aveva deliberato in materia e grazie al lavoro dell’assessore al ramo, Giovanni Rondinone (SEL), e alla collaborazione delle Commissioni e del Consiglio provinciale avevamo coinvolto tutte le rappresentanze locali, dalle associazioni ai sindaci. Un’attività complessa alla quale, noi, non ci siamo sottratti.”
“Ritengo particolarmente scorretto, inoltre, che una istituzione – conclude Stella – getti discredito su un’altra, anche se la squadra di governo non è quella in carica. Un atteggiamento puerile che nega i valori del rigore e dell’autorevolezza di cui dovrebbe essere testimone ogni rappresentante delle istituzioni. Volare alto ed essere un esempio, non solo sui cartelloni pubblicitari.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *