Referendum, De Filippo sulla decisione della Cassazione

“La decisione con la quale la Cassazione, accogliendo l’istanza del Pd, ha spalancato le urne dei referendum anche al quesito sul nucleare, che andrà così ad aggiungersi ai due sull’acqua pubblica e a quello sul legittimo impedimento, riconsegna nelle mani dei cittadini il diritto a decidere del proprio futuro. Sono sicuro che i lucani sapranno dare, ancora una volta, così come avvenne nei giorni della protesta di Scanzano, una risposta democratica chiara, netta, che chiuda per sempre la porta alle lusinghe della potente lobby del nucleare presente anche nel nostro Paese.

Il raggiungimento del quorum – alla luce di quanto avvenuto in occasione delle ultime tornate referendarie – resta, è vero, un obiettivo ambizioso. Ma in questo caso credo che l’intera classe dirigente del centrosinistra di Basilicata, facendo proprio l’appello lanciato in queste ore dal segretario regionale del Pd, Roberto Speranza, saprà mobilitarsi per convincere gli elettori lucani a recarsi alle urne nelle giornate di domenica 12 e lunedì 13 giugno, per esprimere quattro, inequivocabili SI contro il nucleare, a favore della gestione pubblica dell’acqua e contro quella vera e propria legge ad personam, che va sotto il nome di legittimo impedimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *