Regione, l’Ugl auspica un sistema ‘pulito’

“Non vogliamo né intendiamo tifare e prestarci a partecipare al ‘toto consiglieri’ su chi ha torto o chi ha ragione, abbiamo pienamente ed incondizionatamente fiducia nell’operato della Magistratura anche perché non si tratta di una partita di calcio della nazionale: per noi la partita politica regionale è abbondantemente scaduta, oramai persa a tavolino a danno di tutti i lucani che hanno consegnato fiducia a questa gente che mal li ha rappresentati, tradendoli. Ciò che importa oggi è mettere in moto un sistema ‘pulito’ con uomini disposti a sacrificarsi. a fare bene in nome della Basilicata e non solo, a difendere una parte politica”. Lo dichiara il segretario regionale dell’Ugl Basilicata metalmeccanici, Giuseppe Giordano, sottolineando che “anche noi come organizzazione sindacale vogliamo auspicare ed augurare che il nuovo governo metta in moto tutte le giuste sinergie affinché si compia quel percorso che dopo l’esito elettorale le forze politiche responsabili hanno fortemente voluto per dar vita ad un governo della coesione e dello sviluppo. L’invito che ora l’Ugl manda alle forze sociali della Basilicata è che non è di certo questo il momento per creare ulteriori divisioni e/o lacerazioni, non è tempo di aumentare tessere di partito o di sindacato, non serve: occorre che tutti noi interlocutori lucani che giornalmente misuriamo ‘la febbre’ sul territorio, facciamo bene e subito pensando principalmente alle centinaia di migliaia di esodati, cassaintegrati, ai dipendenti delle innumerevoli aziende in crisi, ai disoccupati e alle famiglie. Altrimenti – conclude Giordano – non ci saranno piani di lavoro, crescita, coesione e piattaforme di proposte per l’economia lucana che possano essere d’aiuto, potremmo scordarci definitivamente della coesione sociale e soprattutto di un eventuale risanamento economico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *