Rinviata al 1° gennaio 2023 la sanzione per chi rifiuta i pagamenti con bancomat o carte di credito

E’ stata rinviata all’1 gennaio 2023 la sanzione che sarà applicata a chi rifiuta i pagamenti con bancomat e carte di credito, che era stata prevista invece dall’1 gennaio di quest’anno. ”Puntare solo sulle sanzioni non giova ai processi di modernizzazione del sistema dei pagamenti. Chiediamo una riduzione generalizzata degli oneri economici legati all’accettazione dei pagamenti elettronici in modo da non penalizzare imprese e professionisti tenuti al rispetto degli obblighi normativi. – ha detto Angelo Lovallo, vicepresidente di Confcommercio Potenza – Siamo alle solite, nel senso che si spaccia per lotta all’evasione quello che lotta all’evasione non è o, comunque, non è più. Sono ormai pochissimi gli esercizi persino nei piccoli comuni che non dispongono del Pos anche perché, in seguito alla pandemia, i consumatori hanno scelto di privilegiare i pagamenti elettronici. Nel giro di un paio di anni in provincia di Potenza siamo passati dal 60% di esercizi dotati di pos all’80%”. Rimarcato, però, il costo del Pos a carico del commerciante con proporzione svantaggiosa per acquisti di pochi euro in piccole aziende. Da tempo abbiamo proposto il “costo zero” che però non sembra sia argomento “digeribile” né dallo Stato e tantomeno dalle banche”. Dunque, favorevoli ai nuovi metodi anche digitali di pagamento ma senza mannaie delle commissioni sugli esercenti e tendendo in considerazione i collegamenti in rete nelle aree interne come quella lucana.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *