Rischio chiusura per lo Zuccherificio del Molise

Il futuro per i bieticoltori di Puglia, Molise, Basilicata, Abruzzo e Marche potrebbe riservare sorprese amare. Il Nuovo Zuccherificio del Molise, infatti, rischia di non aprire. Lo Stabilimento di Termoli, per la campagna di conferimento 2013, aveva chiesto, contrattato e fatto seminare circa Ha. 5200 di barbabietole da zucchero nelle regioni sopra citate. La mancata apertura del nuovo stabilimento potrebbe avere, come detto, ripercussioni negative (per non dire distruttive) sul reddito dei bieticoltori, senza trascurare le conseguenze in merito all’onere di smaltimento del prodotto lasciato nei campi.
Gli enti e le istituzioni interessate al prosieguo della vicenda hanno chiesto un incontro urgente e risolutivo, che si terrà il Ministero dell’Agricoltura domani 15 Luglio 2014. Il Sindaco di San Severo, Francesco Migli, ed il vicesindaco e Assessore alle Attività Produttive, Francesco Sderlenga, si uniscono alla preoccupazione delle associazioni bieticole delle 5 regioni interessate, ed auspicano una celere risoluzione dell’intervento di riapertura, di conferimento e di pagamento del prodotto.“Chiediamo a voce alta, a tutte le Istituzioni e Associazioni di Categoria, di intervenire con forza e determinazione per sventare la chiusura dello Stabilimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *