Rubati 200 alberi di ulivo in un’azienda agricola di Vernole

E’ stata forse la loro capacità di resistere alla Xylella che ha indotto alcuni malviventi a rubare circa 200 alberi di ulivo in un’azienda agricola di Vernole, in provincia di Lecce. A comunicare l’accaduto è stata Coldiretti Puglia, che sottolinea come l’emergenza Covid abbia contribuito a far crescere il fenomeno della criminalità nelle campagne, con il moltiplicarsi nel Leccese di furti delle piante di ulivo appena piantumate.
“Un vile atto che stronca i sogni dei giovani agricoltori di ricominciare a lavorare e produrre dopo il disastro ambientale, paesaggistico e produttivo causato dalla Xylella fastidiosa. – si legge nella nota di Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Lecce – Il fenomeno della criminalità nelle campagne non lascia scampo neppure all’area infetta da Xylella, con l’aumento di casi segnalati di furti di piante di ulivo Favolosa e Leccino appena piantumate e che spariscono nottetempo per mano di ignoti. Sono atti vergognosi e inaccettabili che vanno fermati con ogni mezzo, anche con l’intervento dell’Esercito. Le forze dell’ordine stanno indagando sull’accaduto, ed è immaginabile che le piante rubate siano destinate al mercato parallelo delle piante resistenti che sarà sempre più appetibile perché si alimenterà in maniera direttamente proporzionale alla crescita dei reimpianti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *