Sabato 10 febbraio torna in tutta Italia la GRF – Giornata di Raccolta del Farmaco

Sabato 10 febbraio 2018 si svolgerà in tutta Italia la XVIII edizione della GRF – Giornata di Raccolta del Farmaco. In 104 Province, nelle oltre 3.800 farmacie che aderiscono all’iniziativa e ne espongono la locandina, sarà possibile, grazie alle indicazioni del farmacista e all’assistenza di oltre 14.000 volontari, acquistare uno o più medicinali da banco da donare ai poveri. I farmaci acquistati saranno consegnati direttamente agli oltre 1.720 enti assistenziali convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus.
Durante la GRF dell’11 febbraio 2017, sono state raccolte 375.240 confezioni di farmaci, per un controvalore economico pari a 2.599.791 di euro. Ne hanno beneficiato oltre 580.000 persone assistite dagli enti convenzionati. In 17 anni, la GRF ha raccolto più di 4.400.000 farmaci, per un controvalore superiore a 26 milioni di euro. In 5 anni (2012 – 2017) la richiesta di farmaci da parte degli enti è
aumentata del 27,4%, mentre il numero degli indigenti è cresciuto in 1 anno del 4%. In particolare, sono aumentati i poveri minorenni, in crescita del 3,2% (soprattutto minorenni italiani, in aumento del 4,5%).
L’anno scorso, grazie all’adesione di 14 farmacie, di circa 80 volontari e di moltissime persone che hanno acquistato dei medicinali per donarli, sono stati raccolti, nella nostra provincia, circa 1540 farmaci che sono stati distribuiti, nell’arco dell’anno, a 14 enti assistenziali che si prendono cura di circa 1500 persone.
Quest’anno è salito a 22 il numero delle farmacie di Matera e provincia che hanno aderito all’iniziativa, contribuendo con una donazione economica alla realizzazione della GRF. Tra gli Enti destinatari delle donazioni figurano le Caritas della diocesi di Matera e di Tricarico, l’Associazione Vincenziane, la sottosezione materana dell’UNITALSI (che sostiene anche la casa Hogar di Betlemme), la Casa dei Giovani di Matera (comunità di recupero), la Coop. Polis di Matera e Bernalda (centri di accoglienza ai migranti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *