Sanità: Gaudiano incontra i sindaci del Metapontino

direttore generale dr. Nicola Guadiano, direttore sanitario dr.
Giuseppe Montesano, direttore amministrativo  dr. Rocco Ierone, ed i sindaci
dei comuni di Nova Siri dr. Giuseppe Santarcangelo, Rotondella dr. Enzo
Francomanno e Valsinni dr. Gennaro Olivieri.
I sindaci hanno posto numerose domande relativamente alle strutture
ospedalieri provinciali ed in modo specifico all’ospedale Giovanni Paolo II di
Policoro.
Il direttore generale ha fatto presente che alcuni ritardi nei lavori di
ristrutturazione dell’ ospedale sono stati causati dai vincoli della
Sovrintendenza ai Beni Archeologici, poiché la struttura ospedaliera insiste su
di un’area interessata già in passato dal ritrovamento di resti dell’antica
Eraclea. “Il problema ora è stato superato – ha detto Gaudiano – e si avviano a
conclusione alcuni importanti lavori, come quelli del nuovo pronto soccorso che
finalmente consentirà agli operatori sanitari di poter lavorare in condizioni
logistiche ottimali ed ai pazienti di ricevere le prime cure in un ambiente
idoneo.
A proposito del pronto soccorso è stato sottolineato che il personale, sia
medico che infermieristico, è stato potenziato e complessivamente l’ospedale di
Policoro non ha risentito del turn over, ma anzi ha visto l’aumento del numero
dei dipendenti a differenza di quanto è successo nell’ospedale di Matera.
Per quel che concerne l’UTIC, la Rianimazione e la Fisiatria, per il momento
tutto rimarrà come prima, anche se era stata programmata una riorganizzazione
di questi servizi che non avrebbe significato un loro depotenziamento né in
termini di personale, né di efficienza, bensì un utilizzo più appropriato
dell’esistente ed un conseguente miglioramento qualitativo.
L’Ospedale di Policoro è dunque confermato come sede di PSA ( pronto soccorso
attivo )  e di ospedale per le acuzie. Non vi sarà alcuna contrazione di posti
letto e con il bed management si procederà, come già avviene nell’ospedale di
Matera, a monitorare l’appropriatezza dei ricoveri, potenziando i servizi
ambulatoriali, quelli di day hospital e day surgery, in linea con le più
moderne indicazioni di gestione efficiente ed efficace delle strutture
sanitarie.
Anche il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Policoro,
nonostante la direttiva del Ministro Fazio che ha previsto la chiusura di quei
reparti che hanno meno di 500 parti all’anno, è stato potenziato, anche a
seguito delle note vicende dei mesi scorsi, nella speranza che possa veder
crescere il numero delle nascite.
A breve verrà diffusa una brochure con la quale verranno illustrate tutte le
iniziative in essere per rafforzare la presenza del nosocomio jonico in un’area
geografica epicentrica e sulla quale insiste anche la popolazione dell’alta
calabria jonica, del senisese e del tarantino.
Con i sindaci si è convenuto sulla necessità di intensificare il dialogo e lo
scambio di informazioni, al fine di evitare il diffondersi di notizie
allarmistiche e prive di qualsiasi fondamento nella realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *