Scoperta truffa all’Inps operata nel territorio di Vieste

Truffe all’Inps, con sequestro di beni mobili e immobili a Vieste. E’ quanto scoperto sul Gargano dagli uomini del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Foggia, che hanno operato un sequestro preventivo dei beni, in relazione ad una truffa nei confronti dell’INPS, nell’ambito di un’indagine dalla Procura della Repubblica di Foggia.
Le indagini, nelle quali risultano indagati un ex dipendente della Confcommercio di Foggia, ritenuto la mente della organizzazione, e due falsi lavoratori, hanno accertato le responsabilità in capo ai predetti nel reato di truffa aggravata in concorso finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche.
L’attività investigativa ha consentito di individuare un circuito affaristico-criminale che operava a Vieste, e che nell’anno 2015 ha provocato un danno all’Erario pari a circa 15.000 euro, derivante da indebite erogazioni previdenziali ed assistenziali in favore dei due ‘falsi’ lavoratori, risultati essere stati occupati da un’ignara ditta del territorio, per altro inattiva, che ha consentito loro di percepire l’indennità di disoccupazione. L’attività fraudolenta consisteva in fittizie assunzioni di lavoratori in capo all’azienda, risultata estranea alla vicenda e la formazione di falsi certificati di lavoro (UNIEMENS), che ‘costringevano’ l’Inps ad erogare le indennità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *