Segni di ‘disgelo’ sulla vicenda marò

Segnali di ‘disgelo’ sulla vicenda dei marò. E’ quanto emerso dopo l’incontro ristretto tra il premier indiano Narandra Modi ed i rappresentanti europei (i presidenti del Consiglio e della Commissione, Donald Tusk e Jean Claude Juncker, e l’Alta rappresentante Federica Mogherini) durante il vertice Ue-India a Bruxelles. Fonti europee indicano come il tema dei marò – che un anno fa portò al rinvio del summit – sia stato formalmente sollevato da Tusk che ha espresso la “preoccupazione” della Ue per la prolungata detenzione anche di britannici ed estoni.
Nell’incontro Modi, secondo le fonti, ha mostrato un atteggiamento “costruttivo”. La preparazione del vertice, a quanto si apprende, è stata fatta in “stretto coordinamento” con l’Italia, con Mogherini che anche oggi ha avuto un contatto diretto con il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. A cambiare il clima, nonostante le posizioni prese nella prima giornata dell’udienza, l’avvio dell’arbitrato all’Aja che ha portato il confronto fuori della dimensione bilaterale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *