Segreteria in rosa per la Fisascat Cisl Basilicata

La Fisascat Cisl Basilicata ha scelto la linea del rinnovamento generazionale e di genere. Il segretario uscente Giuseppe Arcieri, storico dirigente della Cisl lucana, lascia infatti il testimone alla giovane Aurora Blanca, 34 anni, psicologa del lavoro ed esperta di risorse umane, con alle spalle una significativa esperienza come formatrice e impiegata commerciale. Blanca sarà coadiuvata in segreteria da un’altra giovane dirigente cislina, Marina Festa, 37 anni e una laurea in scienze politiche internazionali, e dal potentino Silvio Natale Santrone. Questo il responso dell’ottavo congresso regionale di categoria che si è concluso ieri a Potenza alla presenza della segretaria nazionale Rosetta Raso e del segretario generale della Cisl Basilicata Nino Falotico.

“Il congresso della Fisascat ha scelto con grande lungimiranza una linea di profondo rinnovamento dei propri quadri dirigenti”, è il commento di Falotico, “una scelta che premia il merito e le competenze delle persone e che rappresenta un ponte gettato verso le nuove generazioni. Per la Cisl ampliare le tutele a chi come i giovani vive di lavori discontinui e precari è una priorità imprescindibile per uscire dalla crisi e per costruire una società più equa e inclusiva”. Falotico esprime infine “grande apprezzamento per il lusinghiero lavoro svolto in questi anni dal segretario uscente Arcieri e dalla sua segreteria, lavoro che ha determinato un forte incremento di iscritti”.

Molteplici le sfide che la nuova dirigenza Fisascat dovrà affrontare nei prossimi mesi. “Pur in un contesto di profonda crisi e sfiducia la terziarizzazione in corso nelle economie occidentali – spiega la neo segretaria Blanca – apre interessanti prospettive nel settore dei servizi purché siano assicurati i diritti e le tutele tipiche del lavoro manifatturiero. Il nostro obiettivo primario è lanciare dunque la bilateralità e la contrattazione di secondo livello proprio al fine di garantire maggiori tutele ai lavoratori del comparto”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *