Seminario presso Edilcassa Basilicata sui finanziamenti alle imprese che investono in sicurezza

Con un’affollata partecipazione di 70 imprenditori e professionisti si è tenuto lunedì 5 maggio, presso la sede dell’Edilcassa di Basilicata, un seminario illustrativo del bando ISI 2017, con cui l’Inail concede incentivi alle imprese che investono nella sicurezza sul lavoro. Organizzato da Confapi Matera e Direzione Inail di Basilicata, con la collaborazione dell’Ordine provinciale degli Ingegneri e del Collegio provinciale dei Periti Industriali, il
seminario è stato seguito da imprenditori e consulenti con lo scopo di approfondire tutti gli aspetti del bando al fine di inoltrare istanze corrette. Infatti, con una dotazione di oltre 4milioni e 200mila euro per la Basilicata, il bando premia le imprese che realizzeranno progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Gli assi di finanziamento sono 5: progetti di investimento e adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale; riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi; bonifica da materiali contenenti amianto; progetti per micro e piccole imprese operanti nei settori del legno e della ceramica; progetti di sicurezza per l’agricoltura.
Le domande si potranno compilare telematicamente fino alle ore 18,00 di giovedì 31 maggio 2018. Il presidente di Confapi Matera, Massimo De Salvo, ha ringraziato l’Inail, nella persona della direttrice regionale, Carmen Angiolillo, perché ormai da 8 anni (la prima edizione del bando ISI è del 2010) incentiva le imprese consentendo loro di attuare la prevenzione in azienda salvaguardano i bilanci aziendali, quindi tutelandone la produttività. Negli anni molti imprenditori aderenti a Confapi Matera, grazie anche ai seminari informativi tenuti dai tecnici dell’Inail di Basilicata, hanno potuto usufruire dei contributi a fondo perduto del bando ISI, migliorando gli standard di sicurezza in azienda, ammodernando i macchinari e le attrezzature, creando un ambiente di lavoro più sicuro per i propri dipendenti. E in questo le imprese di minori dimensioni hanno saputo cogliere meglio di altri il senso e il significato della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, andando oltre i meri obblighi di legge e dimostrando di avere a cuore le sorti dei lavoratori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *