Seminario sulla vitivinicoltura all’Ipasr di Potenza

Una giornata di studio dedicata alla vitivinicoltura è stata organizzata all’Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale “G. Fortunato” di Potenza, in collaborazione tra il Dipartimento Politiche agricole e forestali della Regione Basilicata e l’ASF Associazione per lo sviluppo della frutticoltura “Biagio Mattatelli” di Metaponto.
L’incontro tecnico avente per tema “Vitivinicoltura nella provincia di Potenza: aspetti tecnici e commerciali” si svolgerà lunedì 1 febbraio a partire dalle ore 9,30 (Aula magna dell’IIS “L. Da Vinci”), in Via Ancona, Potenza.
Dopo i saluti del dirigente scolastico dell’Ipasr, Angelo Mazzatura, moderati dal giornalista Filippo Radogna, interverranno Filippo Corbo agronomo della Regione Basilicata e i presidenti della Doc “Terre Alta val D’Agri”, Francesco Pisani; “Aglianico del Vulture”, Carolin Martino; “Grottino di Roccanova”, Franco Collarino e Paolo Montrone presidente dell’Enoteca regionale di Venosa. I lavori saranno conclusi dall’assessore regionale alle Politiche agricole e forestali, Luca Braia.
I temi che verranno affrontati riguarderanno essenzialmente gli orientamenti nella politica regionale del comparto, l’importanza dei marchi di qualità e la valorizzazione delle produzioni vitivinicole attraverso l’esperienza dei Consorzi Doc e dell’enoteca regionale.
Nel corso della mattinata Vincenzo Montesano e Carmelo Mennone, rispettivamente presidente e segretario dell’Asf, illustreranno le nuove iniziative e in particolare il Premio interregionale per i maturandi degli Istituti agrari per l’anno scolastico 2015-2016. La giornata di studio ha un duplice scopo: approfondire la conoscenza per gli studenti di un importante comparto, considerato traino dell’agroalimentare lucano e ricordare Biagio Mattatelli, laureato in agraria e stimato funzionario del Dipartimento regionale Politiche agricole scomparso nel 2007, esperto in frutticoltura riconosciuto a livello nazionale, un esempio per tutti i giovani che si affacciano al settore primario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *