Sequestrata azienda a Canosa per stoccaggio illegale di letame

I militari del Corpo forestale dello Stato, con il supporto del Nipaf di Bari, hanno sottoposto a sequestro preventivo d’iniziativa un’azienda zootecnica in territorio di Canosa di Puglia per illecito smaltimento di rifiuti. Dal controllo è risultato che feci di animali, urine e letame (comprese le lettiere usate) venivano stoccati in un lotto di terreno nella disponibilità dell’azienda. La titolare dell’azienda è stata denunciata all’autorità giudiziaria per attività di gestione di rifiuti non autorizzata e getto pericoloso di cose.
Il letame ammassato si estendeva in lunghezza per 155 metri, in larghezza per circa 12 metri e in altezza tra un metro e 3,5 metri. Fra le altre irregolarità, sono stati riscontrati 37 capi di bestiame che, pur riportati sul registro, non erano presenti in azienda. Gli animali vivevano in condizioni precarie e tra i rifiuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *