Sequestrate 80mila uova durante controlli in regione

Due denunce per il reato di frode nell’esercizio del commercio e circa 80.000 uova sequestrate. E’ il bilancio dell’operazione ‘Pasqua con uova sicure’ compiuta dai Forestali del Comando Regionale per la Puglia di Bari e del Coordinamento territoriale per l’Ambiente di Altamura – Parco Nazionale dell’Alta Murgia.
Una ventina le ditte controllate in tutta la regione tra aziende avicole, commercianti all’ingrosso e al dettaglio; in sette esercizi son stati riscontrati illeciti e comminate multe per 10 mila euro. I controlli, mirati a garantire la sicurezza agroalimentare e a tutelare i consumatori, sono stati compiuti a marzo, nel mercato pugliese che vede la coesistenza di uova nostrane e straniere (romene, polacche e spagnole). A Lecce e Taranto sono state trovate uova con la data di scadenza posticipata di 7 giorni rispetto a quella effettiva. A Trani, Barletta, Mesagne, e Leporano, uova non timbrate, di dubbia provenienza, non tracciabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *