Sequestrato lotto di tonno con conservanti venduto da Bisceglie in tutta l’Italia

Un intero lotto di tonno a pinne gialle, che da Bisceglie veniva venduto in tutta Italia è stato ritirato dal Ministero della Salute dopo l’allarme lanciato a Brindisi. Nella città adriatica solo l’intervento dei medici del “Perrino” ha scongiurato una vera e propria tragedia familiare. I medici, infatti, mediante una emogas analisi hanno salvato la vita di 4 persone che si erano sentite male dopo aver mangiato del tonno acquistato in una pescheria di Pezze di Greco, frazione di Fasano. Nonostante il pesce mangiato fosse cotto, sia i genitori che i due figli di 10 e 11 anni hanno subito sviluppato i sintomi di un’intossicazione.
Una volta giunti in ospedale, con uno dei bambini in condizioni preoccupanti, i medici hanno scoperto la causa di quello che poteva sembrare a prima vista uno shock anafilattico, ovvero la quantità eccessiva di un conservante a base di nitrati. Si tratta di un additivo alimentare che consente – tra l’altro – di stabilizzare il colore della carne, rendendola di un rosso più vivo, che agli occhi dei consumatori fa apparire il pesce più fresco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *