Sindaci di Craco e Pisticci chiedono interventi tempestivi lungo la SP 176

I sindaci dei comuni di Pisticci e Craco tornano a chiedere a gran voce interventi urgenti sulla SP 176, interessata dal 16 novembre 2018 da un’ordinanza della Provincia di Matera di interdizione al transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate e larghezza superiore a 2,30 metri.
“Tale situazione, che perdura ormai da anni, penalizza fortemente i cittadini delle due comunità, in particolare gli studenti e i lavoratori pendolari, cui viene preclusa la possibilità di spostarsi agevolmente tra i due comuni, gli agricoltori e le attività ricettive che stanno subendo danni incalcolabili a causa dell’impossibilità di far transitare su questa strada mezzi agricoli e autobus turistici, le amministrazioni comunali, a causa delle difficoltà nell’esecuzione dei lavori di manutenzione e smaltimento percolato della discarica di RSU di località “Recisa”, con tutte le conseguenze in termini di potenziali danni all’ambiente, oltre a causare numerosi disagi anche al transito dei veicoli provenienti dalla Valle dell’Agri e dalla Valle del Sinni. – si legge nella nota dei due comuni – Abbiamo chiesto più volte di effettuare interventi di messa in sicurezza della strada per consentire la completa riapertura al transito, interrompendo la condizione di forte isolamento cui sono costrette le nostre comunità. Solo con il passaggio del Giro d’Italia, lo scorso 8 ottobre, abbiamo visto finalmente la strada libera da restrizioni. Ma ieri mattina alcuni mezzi sono intervenuti per ripristinare le barriere restrittive della carreggiata.  Chiediamo, infine, alle SS.VV. di voler convocare in breve tempo un incontro al fine di discutere delle problematiche evidenziate. Auspichiamo fortemente che questo ennesimo appello non cada nel vuoto e nell’indifferenza delle istituzioni cui è rivolto, nel qual caso ci vedremo costretti ad attuare forme di protesta presso le competenti sedi istituzionali, a tutela dei diritti dei nostri cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *