Il sindaco di Ruoti accoglie una rappresentanza di scout

Il sindaco di Ruoti, Anna Maria Scalise, ha accolto nelle scorse ore in comune una rappresentanza di scout, lupetti, coccinelle, guide ed esploratori di Ginosa, il suo paese d’origine.
“Un ritorno alle origini – ha affermato il sindaco – con una punta di commozione mi rivedo in loro e forse se non fosse stato per lo scoutismo e per le esperienze che mi ha donato, a quest’ora non sarei neanche sindaco”. I più piccoli sono in paese, i ragazzi nel bosco, in tutto un centinaio, gli scout di Ginosa impegnati a Ruoti, prevedono un’agenda molto intensa di attività che terminerà domenica con l’incontro con i genitori dei lupetti e delle coccinelle. I boschi e le montagne attorno a Ruoti si prestano particolarmente per il campo esperienziale che è uno dei momenti più toccanti delle prime esperienze di un ragazzo che si avvicina al mondo e agli insegnamenti che si richiamano a Robert Baden-Powell.
Forse – continua il primo cittadino – dovremmo riscoprire la politica come servizio sociale, lo scautismo è un giusto cammino di maturazione individuale e collettivo. Purtroppo in alcune realtà le parrocchie rimangono l’unico presidio sociale. Ma ci dev’essere sinergia con le istituzioni. Questo è il nostro compito. Il mio mandato – conclude – sarà caratterizzato da una particolare attenzione al terzo settore, ai bisogni delle persone in difficoltà, come testimoniano i numerosi incontri che ho avuto con le associazioni, ma con la consapevolezza che possiamo e dobbiamo percorrere con entusiasmo nuove strade pur nelle difficoltà di questo nostro tempo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *