Sopralluogo dell’assessore Capone nel Parco di Porto Selvaggio

L’assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone, ha effettuato un sopralluogo tra le emergenze del Paleolitico all’interno del Parco di Porto Selvaggio insieme con il sindaco Mellone e l’ex Assessore alla Cultura, Mino Natalizio.
“Uno scenario – ha detto la Capone – di infinita bellezza fatto di un paesaggio naturale unico che si incastona in una dimensione storica e culturale che possiamo far diventare culla di un’esperienza turistica densa e significativa. Si tratta del Parco di Porto Selvaggio in cui le emergenze paleolitiche si sommano alla bellezza dei luoghi e del mare”.
“C’è una parte significativa del patrimonio culturale della Puglia poco conosciuto e ancora meno valorizzato – ha proseguito l’assessore – e riguarda le emergenze risalenti al periodo Paleolitico e Neolitico. Le attività di scavo e le ricerche riportano alla luce reperti e storie di struggente suggestione. Una parte importante di questo patrimonio si concentra sulla costa neretina tra la Torre dell’Alto e Torre Uluzzo nello straordinario contesto ambientale e naturalistico di Porto Selvaggio. Qui scava da anni, animata da grande passione e competenza, Filomena Ranaldo dell’Università di Siena che, questa mattina, ci ha guidato nel sopralluogo voluto dall’Amministrazione Comunale per approfondire dimensioni e caratteristiche scientifiche del patrimonio preistorico e del territorio Neretino, e valutare le strategie di valorizzazione con il patrimonio naturalistico e ambientale di Porto Selvaggio, la civiltà rurale concentrata nelle antiche masserie, l’istituendo museo della Preistoria e lo straordinario centro storico di Nardò”.
“Ogni iniziativa – ha sottolineato Capone – dovrà essere coerente con la pianificazione strategica proposta nel bando del Ministero dei Beni culturali sulla valorizzazione della Progettualità Culturale, di cui Nardò è comune capofila dell’aggregazione Arco Ionico e per la quale è imminente l’esito della apposita commissione di valutazione. Nel frattempo – ha proseguito – bisogna agire con gli strumenti a disposizione ma senza perdere di vista il contesto generale. Una grande opportunità è offerta dal bando della Regione Puglia relativo alla Valorizzazione degli Attrattori Culturali e Naturali. Il Comune è chiamato a mettere in campo una progettualità capace di tenere insieme esigenze di tutela del Patrimonio con quelle di Valorizzazione e Fruizione Culturale e Turistica del territorio”.
La parola d’ordine è riuscire a tradurre in valore economico e in occupazione, l’imprenscindibile valore culturale ed ambientale del territorio. L’incontro si è concluso con l’impegno del sindaco Mellone a convocare a breve un tavolo con tutti i soggetti istituzionali coinvolti nella gestione del Parco e nelle attività di scavo. Al sopralluogo erano presenti anche il consigliere Paolo Maccagnano e altri consulenti e tecnici dell’Amministrazione Comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *