Sottufficiale tenta il suicidio nella Caserma ‘Nacci’ a Lecce

Grande paura per i militari della Scuola di Cavalleria della Caserma ‚Nacci‘ a Lecce. Un loro collega è stato ritrovato accovacciato accanto agli armadietti metallici con una cinghia stretta al collo. La tragica scoperta è avvenuta all’alba, quando i militari hanno soccorso l’uomo, sottufficiale 35enne, allertando anche il 118. Il militare era riverso sul pavimento e cianotico in volto, trasportato d’urgenza in codice rosso presso l’ospedale ‚Fazzi‘ di Lecce, e successivamente sottoposto ad accertamenti sanitari, tra cui la Tac per scongiurare il rischio di gravi conseguenze. A salvarlo, molto probabilmente, il fatto che, anzichè togliersi la vita impiccandosi, abbia deciso di inginocchiarsi per terra.

Ma nel suo sangue è stato ritrovato un tasso alcolemico piuttosto alto, dovuto quasi certamente all’assunzione di bevande durante la serata trascorsa fuori. Il 35enne, infatti, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe rientrato più tardi del previsto, destando già alcune preoccupazioni. L’uomo, allievo sergente, è attualmente ricoverato e il suo quadro clinico è tenuto sotto osservazione. Nelle prossime ore dovrebbe essere sottoposto ad una consulenza psichiatrica, per valutare la sua idoneità alla vita militare. Le indagini sono nelle mani del Nucleo di polizia militare, ospitato all’interno della stessa struttura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *