Spiagge per disabili in Puglia, Turco: “I comuni accelerino la presentazione del progetti”

“L’annualità 2019 sta per terminare. I fondi ci sono, ma i Comuni costieri non perdano ulteriore tempo: presentino subito progetti che rendono le spiagge libere accessibili ai disabili”. E’ l’appell del consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Giuseppe Turco, sull’attuazione e la disponibilità economica collegata alla sua legge, la n.48/2018 “Norme a sostegno dell’accessibilità delle aree demaniali destinate alla libera balneazione per le persone diversamente abili”.

“Sarebbe davvero un errore perdere questa possibilità, considerando che mancano molti mesi all’avvio della prossima stagione estiva e quindi sindaci, Comuni e tecnici hanno tutto il tempo per predisporre progetti, candidarli al finanziamento e avviare i lavori. Basta davvero poco per far sì che i 69 Comuni costieri della Puglia siano a barriere zero. Con la mia legge infatti è possibile attrezzare i litorali con appositi parcheggi riservati, con l’abbattimento delle barriere architettoniche. – ha detto Turco – Ma non solo. È possibile dotare le spiagge di servizi igienici e spogliatoi accessibili; predisporre segnaletica e indicazioni (corrimano e mappe tattili) per persone affette da disabilità sensoriale; dotare le spiagge di appositi ausili speciali, come la sedia per il trasporto dei diversamente abili e degli anziani. Come l’anno scorso ammonta a 20mila euro il contributo massimo che può essere riconosciuto per il Comune, singolo o in associazione con altri Comuni costieri. E apprezzo la sensibilità dell’assessore al Demanio e al Bilancio, Raffaele Piemontese, ad aver sostenuto il mio appello, già lanciato a giugno scorso, inviando una lettera ai sindaci e informandoli sulla possibilità di altri fondi aggiuntivi anche per quei Comuni che abbiano già usufruito del contributo regolarmente rendicontato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *