‘Stregato da un sogno’ sbarca al Film Festival Internazionale del Salento

E’ ambientato in larga parte in Puglia Stregato da un Sogno, il film diretto e scritto da Mark Bacci insieme con Andrew Paolillo e John Credico, direttori del barese Lord Byron College. Ispirandosi alla storia vera vissuta da un giovane carabiniere che lascia tutto per seguire il suo sogno, il film prodotto e girato dalla New Pandora, presenta personaggi autentici e passionali interpretati sul versante americano da Jordan Bridges (Dawson’s Creek, Mona Lisa Smile), Kate Nauta (Transporters), Jeannine Kaspar (Ironman 1), mentre spiccano su quello italiano Riccardo Acerbi, Fiorella Potenza, Carlo Antonazzi e Francesco Cippone, alle cui vicende si ispira la storia. Oltre ad essere una storia drammatica, Stregato da un Sogno è anche uno spettacolo hiphop, con danzatori provenienti dalle migliori compagnie di Roma, Helsinki, Parigi, New York, tutti coordinati da Djassi Johnson della Alvin Ailey Dance Company di New York. A portare alto il nome dell’Italia Massimo Bet, campione mondiale di break dance, affiancato da Etienne Jean Marie Cacciari ed Enerjay Lewis. Le musiche sono a cura dell’hiphop mogul Damon Dash.

Dopo il successo ottenuto lo scorso marzo in California al “Cinequest” di San Josè, con il direttore del festival Michael Rabehl che lo ha definito “un film meraviglioso”, Stregato da un Sogno esce nei prossimi mesi in America distribuito dalla Lionsgate, ben nota al livello mondiale per la distribuzione di film indipendenti e controversi quali Fahrenheit 9/11 e American Psycho. La prima assoluta del film per l’Italia arriva il 9 settembre, alla serata di apertura del Film Festival Internazionale del Salento.Consacrato alla produzione indipendente, la kermesse salentina è una grande imperdibile occasione che vedrà a confronto importanti produzioni cinematografiche nazionali e internazionali. Stregato da un sogno ha ottenuto l’Italian Awards al Wirral International Film Festival di Liverpool GB e il Gold Kahuna Award all’Honolulu Film Awards 2012.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *