Sviluppare idee nuove per graffiare il futuro

Il Comitato provinciale di Matera MPA si è insediato ufficialmente. E’ successo nel pomeriggio di ieri, registrando la massima partecipazione dei suoi componenti nonostante i lavori si siano svolti in concomitanza con la partita dell’Italia, impegnata nel Campionato europeo. Al tavolo della presidenza il Segretario provinciale, Michele Corazza, il Segretario regionale, Roberto Falotico, il coordinatore dell’opposizione al Comune di Matera, Angelo Tosto ed il Presidente, Giuseppe Maria De Bellis. Di fronte l’assiepata platea dei componenti il Comitato che non ha mancato di partecipazione e di spunti di riflessione all’incontro.

“Siamo chiamati ad un alto senso di responsabilità che deve concretizzarsi in una nuova prospettiva. Dichiara nella sua relazione Corazza, in un vento che porti con sé rilancio e sviluppo per questa provincia e per questa regione. Forti unione e coesione devono contrapporsi ad una società stressata, avviluppata asfitticamente nelle sue stesse maglie e che ha bisogno per liberarsi di metodi nuovi d’approccio”. Per il Segretario, il secolo breve è passato e non si può cadere nell’equivoco per cui vecchie soluzioni siano innestabili in un mondo in continuo cambiamento. Abbiamo diritto ad un futuro migliore e questo può arrivare solo spezzando l’inerzia ed il conservatorismo imperanti nella politica da un lato e dall’altro dando valore e sostanza alla parola futuro che è giustizia sociale, etica pubblica, talento, merito, innovazione. Fare del Movimento Per le Autonomie di Basilicata sempre più una guida politica, impegnata, seria, recettiva ai cambiamenti ed in continuo ascolto soprattutto nei confronti di quello zoccolo economico testardamente presente in barba alla crisi, che nel materano è fatto di agricoltori, artigiani, Piccole e Medie Imprese che hanno perso fiducia nella Politica. Su di loro e sui giovani bisogna investire. E’ dovere di chi intende questo Movimento come l’equivalente di una squadra compatta fatta da persone prima che da iscritti.

Gli fa eco, il Consigliere comunale, Angelo Tosto, dichiarando “i giovani, la marcia in più che questo territorio possiede. Attorno a loro vanno stretti investimenti e sinergie, perché siano liberi da una politica che telecomanda il pensiero e condiziona i processi”. E di giovani e di una larga fetta libera di Basilicata che pure esiste si è discusso durante i lavori, ai quali erano presenti imprenditori e ragazzi. Libertà che porta la democrazia, esempio buono che diventa coinvolgente e voglia di responsabilizzare il capitale umano che questa terra possiede, questi gli elementi sul tappeto raccolti dal Segretario regionale MPA, Roberto Falotico. Mettendo tutti a conoscenza di una manifestazione che il Movimento farà a settembre sulla agricoltura, dichiara che “in Italia non c’è anti politica. C’è un’altra politica che legittimamente subentra quando l’esercizio del potere cessa d’essere a disposizione della comunità tutta. Quello è un campanello che suonando da ragione alla Basilicata che punta i piedi e si difende, facendo anche ciò che una certa politica non vuole”. Quella stessa politica che, negli ultimi anni, si è resa incomprensibile, impegnata ad inseguire un cambiamento tutto interno ancora da vedere e da verificare nei suoi risultati. Si è convinta che accorpare, concentrare e comunicare da un megafono lontano siano gli strumenti giusti per governare i processi senza stare effettivamente sul territorio. Sono serenamente convinto che, invece, sia necessaria un’immersione nel tessuto di Basilicata perché ho sperimentato come la presenza serva a comprendere, analizzare, decidere per il bene di una comunità. Per questo Falotico invita ad una ritorno alla riflessione, allenando la capacità di stare sul merito delle questioni. Rassicura circa paventate accelerazioni e dichiara che il nuovo modo di fare politica è quello di lasciare la sfida per intraprendere un percorso fatto di dialogo ad alto tasso di concretezza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *