Taranto, giovane donna muore e la famiglia autorizza la donazione degli organi

La famiglia di una giovane donna, deceduta sabato mattina al ‘SS. Annunziata’ di Taranto, ha autorizzato il prelievo e la donazione degli organi. La donna, poco più che trentenne e madre di quattro bambini, era stata ricoverata a causa di un aneurisma cerebrale. Gli organi sono andati a riceventi in Puglia e in Sicilia.
La donna è spirata intorno alle 15, e grazie all’immediato atto di generosità della madre, che ha tempestivamente dato il proprio assenso, è stata attivata la procedura per la donazione degli organi. Mentre l’equipe del reparto di Rianimazione del SS. Annunziata, composta dalla dottoressa Doriana Benefico e dal dottor Giordano Nardini e coordinata dal dottor Pasquale Massimilla, garantiva le condizioni per mantenere la funzionalità degli organi da prelevare, il Centro Trapianti ha individuato, tra le persone in attesa, quelle compatibili con la giovane e sono partite le procedure per il prelievo degli organi. In serata le equipe multidisciplinari, arrivate da Bari e dalla Sicilia, hanno proceduto al prelievo degli organi e al trasporto degli stessi verso i riceventi.

Sono stati così prelevati il cuore, i polmoni, il fegato, i reni, il pancreas e le cornee della donna. Il cuore, il fegato e un rene sono partiti alla volta di Bari, mentre i polmoni, l’altro rene e il pancreas sono stati trasportati in Sicilia, per portare nuova vita a diverse persone. l

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *