Taranto: La CISL FNS per restituire dignità al personale di Polizia Penitenziaria

A seguito dell’interruzione delle relazioni sindacali con la Casa Circondariale di Taranto, da parte di tutte le OO.SS., interruzione resasi necessaria a causa della preannunciata apertura del reparto da adibire a sorveglianza dinamica,  senza alcun incremento di personale,  la CISL FNS ha intrapreso un’azione di verifica e confronto con i vertici del DAP,  già sollecitati dal Provveditore Regionale,  ed ha ottenuto un riscontro,  che vede un incremento pari a otto,  dieci unità di Polizia Penitenziaria da trasferire attraverso la mobilità,  che sarà attuata attraverso trasferimenti basati sulla graduatoria nazionale.

La CISL FNS PROVINCIALE, REGIONALE e NAZIONALE, attraverso i vertici della propria organizzazione,  ha realizzato un successo parziale a favore dei lavoratori del carcere tarantino,  evitando il collasso organizzativo della struttura.

castello aragonese tarantoL’azione della CISL FNS,  ancora una volta,  ha posto in essere tutte le sue energie,  affinché il personale di Polizia Penitenziaria non arretri nello stato di “ schiavitù “,  aggravando notevolmente il problema del sovraffollamento a carico del personale di Polizia Penitenziaria ed il suo carico di lavoro.

La CISL FNS persevererà nell’azione intrapresa,  per restituire dignità al personale di Polizia Penitenziaria.

Firmato

Il Segretario Generale 

Crescenzio LUMIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *