Terraross a Rutigliano per la sagra dell’uva

Il 24 settembre a Rutigliano (Ba), in occasione della 47^ edizione della Sagra dell’Uva, si esibiranno in un doppio spettacolo i Terraròss. Il presidente del Comitato civico “Sagra dell’Uva di Rutigliano”, Franco Lozupone, ha voluto festeggiare al meglio questa edizione, in quanto essa coincide con il centenario della produzione dell’uva “Italia”, ovvero quella che cresce nei vigneti pugliesi, specialmente a Rutigliano. Tra l’altro un ulteriore motivo per festeggiare è che Conad, nella prima settimana di Ottobre, valorizzerà al meglio questa tipologia di uva con il marchio “Sapori&Dintorni Conad”, che caratterizzerà l’offerta di specialità alimentari della tradizione regionale italiana.

Dunque ci sono tutti i presupposti per festeggiare al meglio questa 47^ edizione. Dominique Antonacci, Giuseppe De Santo, Annarita De Leo, Vito Gentile, Nicola Mandorino, Antonio De Santo, Biagio De Santo e Carmalania Mastromarino, ovvero i Terraròss si esibiranno in due momenti differenti, con spettacoli diversi tra loro.

Il primo avrà inizio alle 17 e sarà itinerante per le vie del borgo antico. Con la musica tipica dei periodi di vendemmia di una volta, si canterà e si ballerà tra le antiche strade di Rutigliano prima del taglio della torta per il centenario dell’uva “Italia”, che avverrà in Piazza Kennedy alle ore 19.

Il secondo momento musicale caratterizzato dalla presenza dei Terraròss si terrà alle 20 di fronte Piazza Kennedy. Tamburelli, percussioni, chitarre, mandolini e tutti gli strumenti che caratterizzano il suono folk di questo gruppo saranno usati per dare vita ad uno spettacolo musicale coinvolgente e soprattutto divertente, tipico dei tempi passati, quando la vendemmia era un periodo molto importante del ciclo di vita della comunità, per cui ci si divertiva assieme facendo festa. Oggi come allora i suoni e le danze allieteranno questa notte speciale, in onore dell’uva.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *