Tre giorni per immaginare il futuro della residenza universitaria De Giorgi: dal 28 al 30 settembre a Lecce

Tre giorni per immaginare nuovi spazi e nuove pratiche per la residenza universitaria Ennio De Giorgi di Lecce. È questo il tema del workshop di progettazione partecipata che si svolgerà dal 28 al 30 settembre nell’ambito del progetto “Puglia Regione Universitaria: studiare e vivere in città accoglienti e sostenibili”. L’iniziativa, promossa dall’Assessorato regionale all’Istruzione e Adisu Puglia in collaborazione con Comune di Lecce, avrà come i protagonisti la comunità studentesca e il territorio che, attraverso gli strumenti della progettazione partecipata, saranno coinvolti in un laboratorio coordinato dalle Manifatture Knoss propedeutico alla progettazione dell’ampliamento della residenza.
Si partirà martedì 28 settembre con la presentazione di una serie di casi studio per approfondire tematiche che vanno dalla progettazione di architetture flessibili per usi temporanei alle nuove modalità sostenibili di costruzione, per poi passare alla fase di progettazione con gli studenti universitari, progettisti neo laureati, la comunità del Terzo Luogo e gli abitanti di Lecce. L’ultimo giorno, venerdì 30 settembre, è prevista la restituzione finale dei risultati del workshop, alla presenza dell’Assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo, per immaginare insieme gli scenari futuri.
Tre giorni di lavori e di approfondimento arricchiti anche da installazioni, proiezioni, cucina condivisa, momenti di festa in cui si alterneranno presenze istituzionali del territorio, dal Comune di Lecce alla Provincia, ad architetti, professionisti della rigenerazione urbana come i ricercatori del Politecnico di Bari, e degli altri atenei coinvolti nel progetto “Puglia Regione Universitaria”, i tecnici dell’Agenzia Regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio -ASSET, il gruppo K-City, Atelier Coloco, Ecosistema Urbano, le varie realtà che popolano le Manifatture Knos, ai rappresentanti nazionali del diritto allo studio e tanti altri. L’obiettivo è dare nuove risposte ai bisogni della comunità studentesca e al suo modo di relazionarsi con la città, tracciando nuove connessioni e progettando servizi innovativi.
Il workshop di progettazione partecipata rientra in un percorso avviato dall’Assessorato regionale all’Istruzione negli scorsi mesi con il progetto “Puglia Regione Universitaria” che assegna un’importanza strategica al dialogo tra sistema universitario, città e territori nella consapevolezza che la qualità urbana, in termini di servizi, sostenibilità e di offerta culturale delle città universitarie costituisca un importante fattore di attrazione nei confronti degli studenti, e, al contempo, la presenza degli studenti rappresenti per le città un’importante risorsa in termini economici, sociali e culturali. Sul tema delle residenze universitarie, in particolare, Regione Puglia punta moltissimo su un innalzamento della qualità della progettazione degli spazi, tanto da aver attivato un accordo con ASSET – Agenzia regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio, finalizzato all’organizzazione di concorsi di progettazione per il recupero di immobili da trasformare in residenze universitarie in vista del V bando della Legge 338/2000. Per la realizzazione di questi 5 concorsi di progettazione, uno in ogni città universitaria pugliese, nei giorni scorsi è stato siglato un protocollo d’intesa tra Adisu Puglia (soggetto banditore), e Ordine Nazionale degli Architetti, il quale particolarmente entusiasta dell’approccio metodologico ha messo a disposizione gratuitamente la propria consulenza e piattaforma telematica per la gestione dei concorsi.
Un’efficace ed innovativa progettazione delle residenze passa anche da una riflessione condivisa con il territorio e con la comunità degli studenti che abita e vive quegli spazi. Da qui l’’esperienza del workshop di progettazione partecipata in programma a Lecce, un nuovo appuntamento nel percorso di Puglia Regione Universitaria finalizzata a costruire un dialogo tra sistemi urbani e sistemi universitari, nell’ambito di progettualità condivise.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *