Il Matera cala il tris all’Akragas

 

 

tifosi-matera-calcio

Matera-Akragas 3-1

Matera: D’Egidio, Mattera, Ingrosso, De Franco, Armellino, Di Lorenzo, Iannini, Sartore (64’Carretta), Negro (80’Louzada), Strambelli (75’De Rose), Casoli. All. Auteri. A disposizione: Alastra, Scognamillo, Meola, Gigli.
Akragas: Pane, Cazè, Zanini, Salandria, Marino, Carillo (46’Cocuzza), Longo, Coppola, Cochis Millicay (64’Palmiero), Pezzella (75’Gomez), Salvemini. All. Di Napoli. A disposizione: Addario, Riggio, Sepe, Gouveia, Leveque, Rotolo, Caternicchia, Privitera
Arbitro: Luca Massimi di Termoli
Assistenti: Giuseppe Scarica di Castellammare di Stabia e Domenico Palermo di Bar
Reti: 3’rig. Negro (M), 42’Strambelli (M), 77’Gomez (A), 93’aut.Palmiero (M)
Ammoniti: Di Lorenzo, Cazè, Pezzella, Salvemini

Il Matera batte 3-1 l’Akragas nell’11esima giornata del girone C Lega Pro. Gara controllata dai materani, ma messa in ghiaccio solo al 93′ con l’autogol di Palmiero, sintomo di poco cinismo sottoporta per la formazione biancazzurra. Partenza sprint dei padroni di casa, che al 3′ sono già in vantaggio: Iannini viene atterrato in area di rigore da Pezzella, dal dischetto Negro batte Pane (ottavo centro per l’attaccante ex Casertana). Il Matera spinge alla ricerca del raddoppio, e Pane si deve disimpegnare prima su Strambelli poi su Negro.
Al 26′ la prima sortita offensiva dell’Akragas con Longo che serve Cochis, la conclusione viene deviata da D’Egidio. Strambelli prova a sorprendere Pane dai 25 metri ma il pallone sorvola di pochissimo la traversa, poi gli ospiti rispondono al 34′ con una punizione velenosa calciata da Zanini, D’Egidio non la blocca e Salvemini viene chiuso da Ingrosso in angolo. Il Matera torna in avanti e raddoppia al 42′ con Strambelli che evita un paio di difensori siciliani e batte imparabilmente Pane
La ripresa si apre con un cambio in casa Akragas: l’attaccante Cocuzza prende il posto del centrocampista Carillo. Al 49′ il Matera sfiora il tris con un micidiale contropiede: Strambelli apre a destra per Negro che si accentra e lascia partire un altro tiro insidioso che non inquadra la porta. Inizia la girandola dei cambi da ambo le parti, e il tecnico Di Napoli azzecca la mossa Gomez, che subentra a Pezzella. Proprio il numero 9 riapre la gara al 77′ con un tocco sottoporta. Auteri richiama Negro e inserisce Louzada. La gara si chiude definitivamente al 93′ quando Palmiero, nel tentativo di anticipare Iannini, devia la sfera nella propria porta.
Finisce 3-1 per il Matera, che conquista la settima vittoria stagionale, la terza consecutiva, la quarta davanti al pubblico amico e si piazza alle spalle della capolista Juve Stabia, in attesa di conoscere l’esito del big-match in programma domani sera tra Lecce e Foggia.

Gaetano Auteri: Abbiamo disputato una grande gara al cospetto di un avversario che ci ha creato qualche difficoltà soltanto dal punto di vista fisico e agonistico. Rispetto alla gara con la Reggina, siamo stati più determinati e concreti. La squadra costruisce un buon gioco e concede poco agli avversari. Una grande tifoseria, sono fiducioso per il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *