Vaccino Covid, Arcuri: “Ritardi nelle consegne e violazioni contrattuali, ci tuteleremo nelle sedi opportune”

Tra le dosi di Moderna, Pfizer e quelle di AstraZeneca ”dovremmo avere a fine marzo 15 milioni di dosi” di vaccino contro il coronavirus. Lo ha detto, a quanto si apprende, il commissario straordinario all’emergenza coronavirus Domenico Arcuri nel corso del vertice con le Regioni e il ministro della Salute Roberto Speranza, convocato dal ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia.

”Se il vaccino AstraZeneca sarà approvato dall’Ema avremo 3,4 milioni di dosi entro fine marzo e non le 8 milioni di dosi assicurate in precedenza”, ha spiegato Arcuri. Se il vaccino di AstraZeneca otterrà l’approvazione dell’Ema e dell’Aifa la prima consegna delle dosi è prevista per il 15 febbraio. Le altre due date pattuite sono il 28 febbraio e il 15 marzo.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha espresso preoccupazione per la consegna di un numero inferiore di dosi rispetto agli accordi. ”Lunedì l’Avvocatura dello Stato avrà terminato gli approfondimenti e potremo procedere contro Pfizer sui canali già condivisi, quindi con la diffida per inadempimento sul territorio nazionale; un esposto per potenziale danno alla salute presso una procura italiana e la richiesta al foro di Bruxelles per inadempimento per conto del governo italiano e delle Regioni”, ha detto Arcuri.

Fonte: Adnkronos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *