Valbasento e Tito, cauto ottimismo dei sindacati sui lavori di bonifica dei siti inquinati

Cisl e Uil hanno espresso cauto ottimismo sulla bonifica dei siti inquinati nelle aree industriali della Valbasento e Tito Scalo dopo il tavolo di confronto che si è tenuto ieri in Regione con l’assessore al ramo Berlinguer, i sindaci dei Comuni interessati e le organizzazioni sindacali. Cisl e Uil valutano positivamente la volontà espressa dalla Regione Basilicata di recuperare i ritardi accumulati nel corso degli anni e di scongiurare che i 47 milioni di euro stanziati per i due Sin lucani finissero in altri progetti di bonifica in più avanzato stato di progettazione, come quello della Regione Veneto relativo al sito di Porto Marghera.

Per i due sindacati confederali il crono-programma approvato dal ministero dello Sviluppo economico e dal ministero dell’Ambiente non è un semplice atto di indirizzo politico ma un atto imperativo e cogente, vale a dire in grado di determinare effetti giuridici vincolanti per tutti gli attori coinvolti, e il suo puntuale e rigoroso rispetto è una condizione imprescindibile affinché il ministero assicuri i finanziamenti necessari alla progettazione e realizzazione delle opere di bonifica secondo scadenze temporali e stati di avanzamento predeterminati.

Cisl e Uil, nel registrare la piena e incondizionata condivisione del crono-programma da parte dei sindaci dei Comuni coinvolti, si augurano che i procedimenti autorizzativi e amministrativi di competenza comunale relativi ai lavori di bonifica siano i i più rapidi possibili onde evitare ulteriori lungaggini e ritardi nella fase di attuazione degli interventi. Nel corso del tavolo di confronto i sindacati hanno preso atto dell’impegno assunto dal dipartimento Ambiente nel garantire un costante e attento monitoraggio delle bonifiche nel rispetto dei tempi stabiliti nel crono-programma assicurando al contempo la piena condivisione degli stati di avanzamento delle opere con le parti sociali. Cisl e Uil hanno chiesto infine garanzie sull’impiego di manodopera lucana nei lavori di bonifica dei due siti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *