Videouno documenta il Rinascimento di Melozzo da Forlì

E’ stato realizzato dalla Videouno di Matera con la regia di Tina Lepri e Edek Osser e la fotografia di Michele Buono, il film che ha aperto ieri mattina la presentazione ai Musei Vaticani della mostra “Melozzo da Forlì – L’umana bellezza tra Piero della Francesca e Raffaello”, che aprirà i battenti a Forlì, ai Musei San Domenico, il 29 gennaio prossimo.

Ci sono volute due settimane di riprese realizzate tra Roma, Forlì, Perugia e Urbino per documentare la vita e le opere del maestro forlivese, filmandone i luoghi più rappresentativi: la Galleria Colonna, i Musei Vaticani, la Cappella Sistina, il Quirinale, la Chiesa dei Santi Apostoli, la Chiesa Santa Maria del Popolo e la Chiesa Santa Maria Sopra Minerva a Roma, i Musei San Domenico a Forlì, il Santuario di Santa Maria delle Grazie a Fornò, il Palazzo Ducale ad Urbino, la Basilica a Loreto, la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia, il Museo San Francesco a Montefalco e il Museo Civico a San Sepolcro.

Le suggestive immagini accompagnate da un selezionato sottofondo musicale del rinascimento, hanno catturato l’attenzione per venticinque minuti dei numerosi giornalisti e critici d’arte presenti nella sala conferenza dei Musei del Vaticano, trasmettendo perfettamente il concetto dell’umanizzazione della bellezza espresso dal Melozzo.

“Senza Melozzo, il Cinquecento di Raffaello e Michelangelo non sarebbe mai esistito”. L’opinione di Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani e curatore della mostra, rende perfettamente l’idea di quanto il maestro forlivese abbia pesato sull’intero Rinascimento.

Per Videouno si tratta dell’ennesima affermazione a livello nazionale per la realizzazione di documentari sull’arte.

Dal 2004 ad oggi sono quattordici i film realizzati: 

Caravaggio e i Caravaggeschi

Canova – L’ideale classico tra scultura e pittura

Raffaello e Urbino

Pinturicchio a Siena – L’Ultimo decennio 1503-1513

Pinturicchio Perugia

Cézanne a Firenze

Nel Segno di Ingres

Silvestro Lega – I Macchiaioli e il quattrocento

Guido Cagnacci – Protagonista del seicento tra Caravaggio e Reni

Pompeo Batoni – L’Europa delle corti e il Grand Tour

Gentile da Fabriano e l’altro Rinascimento 

Santi banchieri e Re

Marco Palmezzano – Il Rinascimento nelle Romagne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *