Vieste, la deputata Faro scrive al ministro Costa per scongiurare l’abbattimento di 53 alberi nella pineta di piazzale Paolo VI

Il caso dell’abbattimento dei 53 alberi di pino a Vieste continua a tenere banco nell’agenda politica pugliese e nazionale. La deputata Marialuisa Faro (M5S), lo scorso 18 dicembre, ha scritto al ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, al presidente del Parco Nazionale del Gargano, alla Soprintendenza dei Beni Culturali e al sindaco di Vieste per manifestare tutto il suo disappunto circa la volontà dell’amministrazione comunale di procedere all’abbattimento della pineta di piazzale Paolo VI. 
Nei giorni scorsi è partita anche una petizione online per salvare gli alberi, e l’obiettivo è arrivare a 1000 firme indirizzate al Comune di Vieste. “Il sollevamento della pavimentazione è un fatto prevedibile che richiede adeguati interventi manutentivi capaci di salvaguardare le piante – afferma la deputata Faro – La nostra Regione ha acquisito negli ultimi anni una spiccata inclinazione turistica proprio perché abbiamo realizzato che il nostro patrimonio culturale e ambientale costituisce il nostro tratto distintivo. Dispiace molto apprendere che l’impegno profuso per la tutela dell’ambiente e degli ecosistemi da parte della politica, in particolare del M5s, e dei cittadini non sia a tutt’oggi permeata nelle progettualità di tutte le amministrazioni comunali. Condivido la necessità di effettuare la manutenzione dell’area evidentemente trascurata nel corso degli anni, ma contesto la scelta amministrativa di privare la comunità viestana di un patrimonio arboreo unico nel centro cittadino”.
Dello stesso avviso è anche la consigliera regionale Rosa Barone, anch’essa pentastellata. “A Vieste stiamo assistendo ad una levata di scudi contro la decisione dell’amministrazione comunale di tagliare una intera pineta, un polmone verde, nel cuore della città. Bisogna imparare ad ascoltare i cittadinima anche, come amministratori, ad essere promotori della salvaguardia del nostro bellissimo territorio e del relativo patrimonio ambientale. Per questo, invito l’amministrazione viestana a rivedere il progetto esecutivo, escludendo l’abbattimento della pineta”.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *