Villa di lusso sequestrata ad Andria

Una lussuosa villa con piscina e giardino è tra i beni sequestrati dai Carabinieri ad un uomo di Andria, accusato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, con metodo mafioso. Le indagini dei militari sono iniziate dopo l’arresto dell’uomo, 41 anni, avvenuto a marzo, per traffico di stupefacenti.
Dalle indagini si è potuto appurare che esisteva una sproporzione tra il reddito dichiarato dall’uomo e il suo reale tenore di vita. Per lo Stato, infatti, era povero, ai limiti dell’indigenza, dato che il nucleo familiare non superava i 345 euro di capacità reddituale mensile, ma in realtà il suo patrimonio era considerevole. L’uomo, come detto, viveva in una villa lussuosa con piscina, video sorvegliata, arredata con mobili di pregio e impianti tecnologici, e arricchita con un appezzamento di terreno. Inoltre l’uomo, negli ultimi anni, aveva acquistato beni immobili per 145mila euro e auto e moto per 167mila euro.
Il sequestro dell’intero patrimonio del 41enne, pari a un milione di euro, è stato affidato al custode giudiziario nominato dal gip.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *