Vulture Alto Bradano, la disamina di Italiano

Savino Italiano, Componente dell’Assemblea Provinciale del PD, parla a 360° sulla crisi industriale che sta investendo il Vulture:“L’appello lanciato a mezzo stampa dal Sindaco Pagano sulla crisi industriale che colpisce il Vulture Alto Bradano è certamente da accogliere in pieno. Ed anche l’attenzione con la quale si vuole occuparsi del problema è da elogiare. Cosa ben diversa è come il Sindaco e l’Assessore alle Attività Produttive e Agricoltura del comune hanno in mente di apportare risoluzioni ai problemi legati strettamente alla nostra cittadina. Non vorrei che, classico meccanismo mediatico, a spostare l’attenzione sui problemi di una vasta area si dimentichi i tanti problemi irrisolti e contenuti nel programma elettorale che non sono stati affrontati e risolti. Così come la vicenda oramai di epoca storica, e che ha assunto contorni da romanzo alla Dan Brown, della Pinacoteca e Biblioteca d’Errico. Patrimonio che, come si è detto in tutti i programmi elettorali, avrebbe fruttato economia ed occupazione. In effetti, negli ultimi tempi si sono succeduti vari comunicati in merito alle colpevolezze e scaricabarili. La realtà, da quello che mi risulta e che andrebbe anch’essa affrontata in Consiglio Comunale ad hoc, in seguito alla Sentenza di 1° grado del 2006 nel quale si riconosce alla sede Palazzese la proprietà, nel novembre 2007 una nuova sentenza SOSPENDE la precedente Sentenza in quanto la Biblioteca e Pinacoteca non si è costituita! Tale grave danno persevera nel non essersi ancora costituita ad oggi 2011. Il risultato e la beffa finale sarebbe che, dopo anni e fondi pubblici investiti si perda definitivamente la proprietà. In definitiva, spero che così come ampiamente meritevole e lodevole da parte di del Sindaco di convocare il Consiglio per la crisi industriale, lo si faccia anche per temi che la cittadinanza aspetta risposte oramai da decenni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *