Xylella, individuate altre 93 piante infette tra Brindisi e Taranto

“Inarrestabile l’infezione causata dalla Xylella in Puglia, con altre 93 piante infette nelle province di Brindisi e Taranto, una epidemia non stop che necessità di un inasprimento delle misure per fermare l’avanzata della malattia e preservi l’area ancora indenne”. Lo ha denunciato Coldiretti Puglia sulla base dei dati di Infoxylella, che descrivono l’ennesimo grave scenario in Puglia con 11 ulivi infetti a Cisternino, 2 a Crispiano, 25 a Monteiasi e 54 ulivi e 1 mandorlo a Ostuni, dove salgono a 423 le piante conclamate infette dal secondo semestre 2020.
“Molto grave la situazione nel territorio di Ostuni, la città bianca, immersa nella Piana degli Ulivi Monumentali, dove dal monitoraggio è stata esclusa oltre la metà dell’area già ricadente in zona infetta. Non possiamo permetterci di perdere senza fare nulla paesaggi e patrimoni straordinari. – sottolinea Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia – Lo scempio perpetrato 5 anni fa ad Oria, quando non si vollero estirpare le piante infette – conclude – sta avendo i suoi effetti catastrofici, perché proprio da Oria sono partite le due direttrici dell’infezione che puntano verso Polignano (Bari), in direzione nord-ovest e verso Massafra, in direzione ovest”.
Coldiretti evidenzia infine che l’epidemia di Xylella dal 2013 a oggi ha colpito ottomila chilometri quadrati, con un danno stimabile di oltre 1,6 miliardi euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *