Buona la prima per Antonio Lucente

La stagione 2015 è iniziata nel migliore dei modi per Antonio “Fireball” Lucente. La scorsa domenica, il portacolori della Er racing, al volante dell’ormai nota Volkswagen Maggiolino, ha vinto la prima prova del Campionato italiano autostoriche velocità in pista, in programma sul circuito di Imola.
Il pilota lucano, assistito dal motorista Antonio Russo, dopo una serie di disavventure tecniche che lo hanno perseguitato dalle prove ufficiali del sabato, è riuscito a conquistare la prima posizione assoluta tra le vetture della classe 1300, mettendo alle spalle vetture indubbiamente performanti come le Alfa Gt Junior, la Mini Cooper S e la Fiat 128 Giannini.
Nelle prove cronometrate del sabato, il maggiolino accusa una serie di problemi allo spinterogeno, che causano un vuoto di potenza oltre i 5000 giri/minuto. Lucente non getta la spugna e, pur in condizioni non ottimali, completa la sessione di qualifiche: tra le vetture della sua cilindrata, soltanto la Mini Cooper gli è davanti. Rientrato ai box, Russo inizia immediatamente a lavorare sulla vettura per individuare il guasto e risolverlo: lo spinterogeno viene sostituito ed il motore gira come un orologio.
Il giorno seguente, poco prima della partenza, pilota e meccanico controllano ancora una volta il funzionamento del motore: tutto sembra perfetto. Nel primo pomeriggio si accendono le luci verdi del semaforo ed il maggiolino della Er racing scatta all’inseguimento della Mini Cooper S, avvicinandosi gradualmente all’avversario. Tuttavia, dopo pochi giri, il motore inizia a calare di potenza ed un sinistro borbottio agli alti regimi lascia intendere al motorista Russo, presente al muretto dei box, che qualcosa nel motore non sta funzionando nel modo giusto.
Lucente in quel momento è secondo assoluto della classe 1300. Il margine di vantaggio del primo aumenta gradualmente, mentre il pilota potentino continua a mantenere la seconda posizione. Dopo la prima mezz’ora di gara, Lucente si ferma al pit stop obbligatorio: Russo verifica il problema meccanico (registri delle punterie starati, probabilmente per difetto di fabbricazione delle stesse o dell’asse a camme) e gli consiglia di non forzare. L’obiettivo è quello di terminare la gara.
Nella seconda fase avviene il colpo di scena: anche la veloce Mini Cooper S accusa problemi meccanici ed è costretta ad una lunga sosta ai box. Lucente recupera la testa della gara e vince, con una vettura sempre più compromessa. La seconda piazza è conquistata da Bassi su Alfa GT Junior e la terza da Cernuschi, al volante di un’altra Alfa GT Junior.
Il prossimo appuntamento con le auto storiche è in programma domenica 26 aprile, sul circuito di Varano de Melegari (Parma).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *