Foggia, il Palazzetto dell’Arte dedicato ad Andrea Pazienza

Il sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, immortalato mentre ripara le panchine di piazza Cavour e, per il Palazzetto cittadino, pensa ad Andrea Pazienza. Insomma, cambiamenti e novità in vista per la città dauna. Corroborati da foto condivise sui vari social network.

Lo stesso primo cittadino foggiano si è mosso in prima persona per intitolare la struttura di via Galliani ad Andrea Pazienza, noto anche come ‘Paz’: “Ho deciso di dare seguito alle numerose richieste di associazioni e nostri concittadini, e ho dato disposizioni agli uffici competenti di preparare gli atti per l’intitolazione. Pazienza era un artista talentuoso e irriverente, capace di raccontare, attraverso le sue creazioni, la complicata generazione a cavallo degli anni ’70 e ’80”. In questo modo, dunque, la città intende onorare un talento indiscusso, autore di fumetti di altissimo livello, ma anche di manifesti, specie quelli realizzati per Federico Fellini. E il Palazzetto dell’Arte è il luogo giusto per ricordare “Paz”.

Parallelamente alle novità, procedono anche le operazioni di ripristino delle panchine del centro cittadino, curata dall’assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Foggia. Dopo Corso Vittorio Emanuele e Viale XXIV Maggio, gli addetti ai lavori stanno riparando le panchine di piazza Cavour e successivamente passeranno a quelle di corso Roma. “La nostra iniziativa vuole ridare alla cittadinanza il diritto di fruire liberamente degli spazi della città. – ha spiegato l’assessore Leonardo Pietrocola –Le panchine, purtroppo, in questi anni sono stato oggetto di numerosi atti vandalici, oltre che essere normalmente esposte alle intemperie che ne hanno compromesso l’uso. Per questa operazione, inoltre, siamo riusciti nell’impresa di contenere al minimo i costi, visto che siamo riusciti ad acquistare le singole doghe al prezzo di 5 euro l’una con un notevole risparmio per le casse comunali”.“

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *