Ginecologo leccese picchiato e rapinato nel suo studio

Un colpo studiato nei minimi dettagli. Hanno atteso che gli ultimi pazienti andassero via, per poi irrompere nello studio medico e rapinare il ginecologo, dopo averlo picchiato. Erano le 20 di ieri sera, quando due malviventi hanno fatto irruzione nello studio del dottor Oreste Balzani, in via via Girolamo Marcianò, nel quartiere Rudiae di Lecce. I due rapinatori indossavano delle vistose parrucche di colore blu, per rendere meno riconoscibile il loro volto; in mano avevano un coltello, col quale hanno dapprima minacciato il professionista per farsi consegnare l’incasso della giornata, e poi lo hanno malmenato una volta che la vittima ha cercato di reagire. Ne è nata una colluttazione, e il dottore ha avuto la peggio.
I due, che si sono impossessati di alcune centinaia di euro (700 secondo le prime stime) e dell’iPhone del medico, sono fuggiti a bordo di un furgone bianco, riuscendo a far perdere le tracce. Il ginecologo, ancora fortemente scosso, ha contattato la moglie, la quale ha allertato le forze di polizia. Nel frattempo, il medico è uscita in strada. Inoltre, un uomo, che si trovava nei paraggi, e che l’ha visto inseguire i due ladri a piedi sino a quando non sono riusciti a salire a bordo del furgone, gli ha seguiti per capire dove fossero diretti. Sul posto sono intervenuti gli agenti delle Volanti, che hanno raccolto la testimonianza della vittima. Le forze dell’ordine hanno perlustrato Villa Convento dalla via per Novoli, poi, stando alle indicazioni del testimone, si sono diretti verso via Vecchia Carmiano.
Un aspetto utile ai fini delle indagini potrebbe essere la rapina messa a segno nella mattinata del 20 giugno ai danni della farmacia ‘Barbagallo’ di Magliano (frazione di Carmiano), perché anche il questo caso i rapinatori sono fuggiti a bordo di un Fiat Fiorino; si potrebbe trattare, quindi, degli stessi soggetti, e ciò, unito alla circostanza geografica, potrebbe circoscrivere le ricerche in un’area specifica dell’hinterland di Lecce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *