Ilva, Clini a Taranto il 14 settembre

Il 14 settembre il ministro dell’ambiente Corrado Clini tornerà a Taranto per fare il punto dei lavori e incontrare le associazioni che hanno chiesto fortemente l’incontro. Lo ha annunciato il ministero in occasione dell’inizio, a Taranto, della missione del gruppo di esperti da lui incaricati di acquisire gli elementi tecnici e predisporre entro il 30 settembre lo schema di Autorizzazione Integrata Ambientale (Aia) per l’Ilva. Il gruppo di esperti, coordinato dalla dottoressa Carla Sepe, è stato nominato venerdì 24 agosto con un decreto del ministro Clini

“Nella stessa data – ricorda la nota del ministero dell’Ambiente – il ministro ha trasmesso il decreto ed il programma di lavoro al procuratore capo della Repubblica di Taranto, anche al fine di assicurare la massima collaborazione del ministero con i custodi dello stabilimento nominati dalla Procura, nel rispetto dei rispettivi ruoli. Il procuratore capo Sebastio ha dato un’immediata risposta positiva alla richiesta del Ministro. Il gruppo di lavoro del ministero – prosegue la nota – integrato con gli esperti dei ministeri dello Sviluppo economico, della Salute, dell’Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale, dell’Istituto superiore di sanità e dell’Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell’ambiente della Puglia, ha il compito di supportare il gruppo istruttore Ippc-Aia nell’aggiornamento della Autorizzazione integrata ambientale, rilasciata il 4 agosto 2011 sulla base della lista delle migliori tecnologie per gli impianti siderurgici indicata dalla Commissione Europea (Bat) e delle prescrizioni del Gip di Taranto. La nuova Aia dovrà anche tenere conto delle osservazioni del Tar Lecce in merito alla precedente autorizzazione e delle norme regionali in materia di protezione della qualità dell’aria e della salute. Il gruppo di lavoro ed il gruppo istruttore procederanno attraverso una verifica costante presso la sede dello stabilimento Ilva, sulla base della disponibilità manifestata dall’azienda a collaborare costruttivamente con il ministero”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *