Ivano Icardi al Cecilia sabato 11 novembre: concerto e seminario formativo

È considerato uno dei musicisti più interessanti della scena internazionale, un virtuoso delle sei corde con un animo blues. Ivano Icardi fa tappa al centro per la creatività Cecilia di Tito sabato 11 novembre, in compagnia di Lele Melotti e di Lorenzo Poli, per un concerto ad alta intensità alle ore 21.30 che sarà anticipato, alle ore 16.30, da un “clinic”, ovvero da un seminario formativo rivolto a studenti di musica e strumentisti.
Chitarrista, compositore, arrangiatore e produttore, Icardi negli ultimi dieci anni ha preso parte in vario modo a oltre 3mila brani, collabora attivamente con le maggiori case discografiche internazionali e ha lavorato per diverse emittenti televisive. La sua carriera artistica come chitarrista solista, parallelamente costeggiata dalle altre attività tra cui anche la composizione di musiche per brand multinazionali come Coca-Cola e Toyota, è raccolta in due album, “Walking with the giants” del 2013 e il più recente “So far away”. Quella del Cecilia è una data del tour relativo a quest’ultimo lavoro, presentato per l’occasione in una formazione che vede alla batteria Lele Melotti, già in studio tra gli altri con Vasco Rossi, Zucchero, Paolo Conte, Renato Zero, Fiorella Mannoia, e al basso Lorenzo Poli, sul palco anche con Vasco Rossi, Enrico Ruggeri, Franco Battiato, Mina, Adriano Celentano.
I tre musicisti saranno i docenti del seminario pomeridiano, in cui si parlerà della capacità di creare musica in gruppo, senza sacrificare la spontaneità, e dell’interazione tra i componenti di una band per raggiungere un’armonia efficace. Timing, feeling, groove, controllo della dinamica, sensibilità musicale, gestione del tocco, gestione dello stress, capacità di “dialogare” tra i musicisti sono dunque i principali temi che verranno affrontati nella sessione formativa.
L’iniziativa rientra nella rassegna “Cecilia per la musica” ed è organizzata dal centro per la creatività di Tito in collaborazione con l’associazione culturale Boom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *