Presentata a San Severino Lucano l’indagine conoscitiva sulla qualità ambientale del Parco del Pollino

“La qualità ambientale nel Parco del Pollino”, dopo essere stata al centro di indagine conoscitiva fra strutture alberghiere e turisti, è stata presentata a San Severino Lucano. A introdurre i lavori il vicepresidente del Parco Nazionale del Pollino Franco Fiore che ha sottolineato tra le altre cose l’importanza del turismo e dell’ecoturismo, della valorizzazione del territorio e di tutte le sue potenzialità e peculiarità e quindi la necessità di interventi significativi, per cui la necessità di uno studio per comprendere cosa il turista chiede, per poter migliorare. L’obiettivo della ricerca, è stato detto, quello di individuare le motivazioni e le aspettative dei turisti che visitano il Parco del Pollino, con particolare riferimento ad attività praticate nel Parco, al giudizio su vari aspetti della ricettività, alla sostenibilità ambientale e ai prodotti tipici. La ricerca si è basata sulla somministrazione di un questionario strutturato con domande prevalentemente a risposta multipla, ma anche a risposta aperta.

I risultati della ricerca, presentati, sono stati utili per far emergere dei nodi problematici dai quali ricavare proposte e progetti volti a migliorare la ricettività generale del Parco, il gruppo di lavoro ha evidenziato i punti di forza e di debolezze di strutture e servizi, ma anche come migliorarsi per stare sul mercato nazionale e non solo, ma una proposta è stata avanzata dagli operatori stessi che hanno partecipato e apprezzato il lavoro fatto. La proposta quella di mettersi insieme per vedere come e se fare rete, costituire un organismo unico che raccolga tutte le forze che operano sul territorio per vendere quello che la natura ha messo nei paesi del Pollino. Venerdì 28 dicembre la stessa iniziativa si terrà a Morano Calabro, nella sala convegni del Chiostro di San Bernardino, in Calabria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *