Sindacati del comparto Istruzione e Ricerca incontrano a Bari le RSU e delegati della scuola

Oggi a Bari i sindacati del comparto Istruzione e Ricerca, hanno incontrato centinaia di RSU e delegati di scuola tutti concordi nell’esprimere il netto dissenso nei confronti del progetto di autonomia differenziata, figlio di una visione egoista e autoreferenziale della crisi che rischia di abbattersi come un autentico terremoto sull’intero comparto dell’istruzione e ricerca.

Dai numerosi interventi è emersa netta e chiara la consapevolezza che regionalizzare la scuola pubblica significa:

·         introdurre Integrazioni salariali differenziate regionalmente;

·         Indebolire il Contratto nazionale dei lavoratori della scuola attraverso differenziazioni stipendiali e di lavoro;

·         Eliminare l’autonomia scolastica e consegnarla alla volontà politica regionale;

·         regionalizzare gli organici per assumere i docenti con regole variabili da regione a regione;

·         regionalizzare la dirigenza scolastica;

·         regionalizzare i fondi regionali per l’edilizia scolastica ;

·         consentire che nascano istituti e studenti di serie A e di serie B a seconda della ricchezza delle Regioni;

·         Avere 20 sistemi scolastici, uno per ogni regione, con un inevitabile aumento del divario tra regioni più o meno ricche;

·         sottomettere le scuole alle scelte politiche ed economiche di ogni singolo Consiglio regionale;

I sindacati e il mondo dell’associazionismo pugliese chiamano pertanto alla mobilitazione il mondo della scuola, dell’università e della società civile per fermare un disegno politico disgregatore dell’unità e della coesione sociale del Paese: la scuola della Repubblica, che esprime l’interesse generale del Paese, deve continuare a essere a carico della fiscalità generale nazionale.

Venerdì 17 maggio il comparto “Istruzione e Ricerca” si ferma perciò per uno sciopero unitario nazionale visto che il ministro Marco Bussetti non ha dato risposte esaustive in merito alla nostra piattaforma unitaria a cominciare dalle risorse. Chiediamo infine che il comparto “Istruzione e Ricerca” venga escluso da ogni tentativo di regionalizzazione e a tal fine abbiamo avviato anche una raccolta di firme nelle scuole e anche nelle piazze, cominciando con un banchetto domani sabato 13 marzo alle ore 17.00 in corso Vittorio Emanuele a Bari.

L’istruzione deve rimanere un sistema nazionale e non crediamo che i problemi si risolvano con il passaggio di competenze alle singole regioni, nè che docenti e personale amministrativo possano essere pagati diversamente in base a dove lavorano. Temi come salario, diritto all’istruzione e stabilizzazione dei precari, riguardano l’Italia intera.

Claudio Menga – S.G. FLC CGIL Puglia
Roberto Calienno – S.G. CISL FSUR Puglia
Giovanni Verga – S.G. UILSCUOLA RUA Puglia
Chiara De Bernardo – S.G. SNALS CONFSAL Puglia
Francesco Capacchione – S.G. FGU Puglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *