Incontro a Matera sul tavolo tecnico permanente del turismo

Qualità, diversificazione e competitività dell’offerta per accrescere il movimento dell’industria delle vacanze, recuperando l’attenzione delle fasce business e consolidando quelle fidelizzate utilizzando al meglio strutture e potenzialità della provincia di Matera. Su questi temi è incentrata l’azione che la Camera di commercio di Matera porterà avanti con una serie di proposte da porre all’attenzione della Regione e dell’Apt di Basilicata per la programmazione 2013, grazie a uno studio sui risultati della stagione 2012, presentato ieri agli operatori dall’esperto Franco Bitetti, nel corso di un incontro del tavolo tecnico permanente sul turismo. “Lo studio – ha detto il presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli – offre utili spunti per una programmazione attenta su priorità e strategie per rendere competitiva la nostra offerta. Certo ci sono delle criticità sulle quali lavorare nella consapevolezza che il turismo è un’opportunità concreta per rilanciare l’economia e coinvolgere altri comparti, colpiti dalla cristi. Matera, per le sue risorse ambientali e culturali e per quanto si sta facendo per la candidatura a capitale europea della cultura per il 2019, è il biglietto da visita internazionale della Basilicata nel settore turistico. Il Metapontino e le aree interne hanno strutture e specificità in grado di attrarre diverse tipologie di utenze. Ma per raggiungere ottimi risultati occorre lavorare con sinergia, utilizzando al meglio le risorse da investire e concentrandole sulle priorità,guardando per esempio alle infrastrutture che continuano a penalizzarci, alla necessità di programmare con lungimiranza, professionalità ed efficacia gli eventi che hanno capacità attrattive e su categorie di visitatori, come quella degli affari che chiede qualità e specificità ma che è ha ancora trascurabile a Matera e nella nostra provincia. Sotto questo aspetto l’Ente, con l’apporto degli operatori e dei diversi soggetti del territorio, svolgerà un ruolo di proposta e di operatività per la nuova stagione turistica”.

E lo studio dell’esperto Franco Bitetti offre utili spunti di riflessione e di operatività. L’indagine sull’attività turistica 2012 è stata effettuata su un campione di indagine, che ha coinvolto 12 strutture di Matera (pari al 66% dei posti letto) e 15 del Metapontino (pari al 41% dei posti letto), riferito ai primi 9 mesi dell’anno per la Città dei Sassi e alla stagione estiva per la fascia jonica. La stagione turistica a Matera ha avuto una crescita per il 50% degli operatori intervistati), è stata stazionaria per il 26 per cento e ha avuto un calo per il 24%.

La Città dei Sassi, che si conferma come la destinazione lucana più aperta ai mercati internazionali e del centro nord Italia, ha fatto registrare una crescita della clientela leisure (in vacanza per svago) e per la convegnistica mentre è in calo quella business. Sono in crescita la clientela organizzata, mentre è più orientata alla stazionarietà quella individuale. Si consolida il ruolo del turismo intermediato. E’ in crescita la domanda estera (20 per cento), del centro nord (24%). Secondo gli operatori alla base dei risultati positivi ci sono la flessibilità tariffaria, la capacità di intercettare i mercati in crescita e di utilizzare il web come strumento di promozione. Un elemento di criticità è il basso utilizzo delle camere negli alberghi, nonostante il trend favorevole di utilizzo delle camere si mantiene relativamente basso, anche per effetto della maggiore concorrenza tenda alla crescita delle strutture ricettive.

Nel Metapontino si sono registrati buoni risultati a giungo, una tenuta ad agosto e una flessibilità ad agosto. L’offerta ricettiva è relativamente poco utilizzata con percentuale che hanno raggiunto il 45% a giugno, il 69% a luglio, l’88% ad agosto e il 29% a settembre. Sono risultati deludenti i mercati vicini (in media 35%) mentre sono in crescita quelli del Centro Nord (in media +25%). In calo la quota di clientela intermediata, del 44% quella individuale e del 30 quella organizzata. Più favorevole l’andamento della clientela individuale cresciuta del 18% e di quella organizzata del 32%, rispetto a quella organizzata. La crescita dei posti letto è costantemente superiore a quella delle presenze. Aumenta la quota di clientela fidelizzata, mentre si riduce l’incidenza della nuova. Le vacanze sono state brevi. Per il Metapontino è necessaria una strategia di rilancio della sua funzione turistica, ampliando e qualificando l’offerta dei servizi e rafforzando l’integrazione con le attrattive del territorio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *