La Puglia dei meeting e congressi all’IMEX di Francoforte

La Puglia mira a diventare sempre più meta del turismo ‘Mice’, puntando su esperienze integrate di viaggio, su buona cucina, ottimi alberghi e sul rispetto dell’ambiente. In questi giorni Pugliapromozione è presente ad  IMEX – The worldwide exhibition for incentive travel, meetings and events a Francoforte, un evento internazionale tra i più importanti nel settore della Meeting Industry che offre l’opportunità di relazioni commerciali proficue, soprattutto per la qualità dei buyers presenti.  

Nello stand dell’ENIT Pugliapromozione con sette operatori pugliesi della meeting Industry presenta la Puglia quale Mice destination in linea con gli obiettivi del Piano Strategico Puglia 365. Proprio a Francoforte Pugliapromozione inaugura un nuovo strumento di comunicazione e promozione dell’offerta congressuale della Regione Puglia. Ai buyer presenti vengono distribuite chiavette USB personalizzate al cui interno trovano il catalogo ““Puglia Venues Directory – 2019 Edition” con l’inserimento delle nuove strutture MICE che si sono aperte in Puglia nonché l’aggiornamento dei contatti. La novità più importante della nuova edizione di “Puglia Venues Directory” è rappresentata dal suo supporto digitale. Il catalogo sarà sfogliabile su pc attraverso una chiavetta USB inserita in una Card brandizzata Pugliapromozione, che sarà distribuita nelle fiere di settore e nelle altre occasioni di incontro con i buyer nazionali e internazionali di eventi e congressi.

 “Stiamo lavorando con Pugliapromozione per supportare al meglio le imprese pugliesi che operano nel settore dei meeting e congressi e del turismo d’affari. E la nuova Card va nella direzione di trovare nuovi strumenti di promozione che facciano conoscere la qualità e la varietà delle strutture congressuali e alberghiere pugliesi e le  tante opportunità di post-congress “– commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia – Oggi, rispetto a una Puglia che non è più solo mare e sole, le nostre keyword sono destagionalizzazione e internazionalizzazione. Questo vuol dire potenziamento delle strutture, incentivi alle imprese e miglioramento della qualità dell’accoglienza. In questo contesto il segmento turistico Mice rappresenta una occasione importante per incrementare il Pil turistico regionale in quanto genera un livello di spesa mediamente elevato, riduce la stagionalità, contribuisce alla riqualificazione delle destinazioni”.

La Puglia quindi a Francoforte insieme al meglio della Meeting Industry internazionale, con 5.100 buyer qualificati con forte potere di acquisto e capacita’ decisionale e oltre 3.500 espositori provenienti da 150 Paesi. Alla kermesse parteciperanno 57 operatori italiani tra convention bureau e club di prodotto, alberghi e resort, centri congressuali, organizzatori professionali e aziende che commercializzano servizi, presso lo stand Enit/Italia D400 nel padiglione 8.

Secondo le prime anticipazioni sui dati 2018 dell’International Congress and Convention Association (Icca), l’Italia conta 522 eventi realizzati e cresce del +1,4% rispetto al 2017. Sono i dati che riguardano il settore turistico dei convegni e degli incentivi nel quale l’Italia sta scalando posizioni nella graduatoria dei Paesi maggiormente richiesti. E’ al 6/o posto nel mondo e 5/o nella classifica europea Icca delle principali destinazioni per numero di incontri d’affari. A presentare le ultime tendenze di settore l’Ufficio Studi Enit che, attraverso questionari inviati agli operatori di settore presenti con l’Agenzia all’Imex di Francoforte dal 21 al 23 maggio, ha individuato gli ultimi trend Mice (Meetings, Incentive, Congress, Events). Si punta su turismo esperienziale (44,4% delle associazioni di operatori), alta cucina e benessere (29,4 dell’hotellerie) ed ecosostenibilita’ (nel 25% degli enti territoriali). Stando alle elaborazioni dell’Ufficio studi Enit, la cultura, l’arte e la possibilità di fruire delle destinazioni in termini di ‘saperi’ e di ‘saper fare’ rappresentano asset imprescindibili per un posizionamento competitivo. L’hôtellerie punta sul fattore del valore aggiunto dato dall’haute cuisine e dal wellness; le associazioni di operatori sono quelle che più degli altri soggetti di mercato spingono sul volano del turismo esperienziale, in grado di valorizzare le singole capacità imprenditoriali incentrate sui fattori comuni del territorio (tradizione, cultura materiale e immateriale, produzioni tipiche agroalimentari e artigianali). Quella del turismo esperenziale è la carta vincente per la Puglia in questo settore che rappresenta una grande opportunità di crescita sia del turismo che dell’economia in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *