Confapi e UBI Banca presentano il progetto ‘T2 Territorio per il Territorio’

UBI Banca e Confapi hanno sottoscritto il Progetto “T2 Territorio per il Territorio”, un’iniziativa innovativa, studiata e strutturata con l’obiettivo di sostenere le imprese del sistema Confapi. Il progetto si realizza in due fasi: l’emissione da parte delle banche del Gruppo UBI Banca di un prestito obbligazionario per un importo complessivo di 20 milioni di euro, di cui verrà richiesta l’ammissione alla quotazione sul Mercato Telematico delle Obbligazioni (MOT); la costituzione di uno specifico plafond, pari a due volte l’ammontare nominale del prestito obbligazionario complessivamente sottoscritto, destinato all’erogazione di finanziamenti volti a supportare la realizzazione di programmi di sviluppo, la creazione di nuovi posti di lavoro, la riqualificazione professionale dei dipendenti, i programmi di formazione professionale e di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché a far fronte alle esigenze di incremento di circolante e di equilibrio della struttura patrimoniale e finanziaria delle realtà del mondo Confapi.

Il progetto “T2 Territorio per il Territorio” è un’iniziativa che collega direttamente i risparmi dei privati alle specifiche necessità delle imprese di Confapi. La raccolta di risparmio locale, cioè, viene impiegata esclusivamente per le pmi delle medesime zone e appartenenti ad una specifica associazione imprenditoriale, rafforzando la mutualità nel territorio e il legame tra banca, risparmiatori e imprese locali. Il progetto è stato costruito con queste finalità: banca, imprese e privati di un territorio investono insieme per far crescere tutte le imprese del sistema Confapi. Un obiettivo ambizioso ma certamente conseguibile che vede fortemente impegnati Confapi e UBI Banca per favorire l’adeguato flusso di credito alle aziende, lavorando sulla qualità della relazione, quale fattore fondamentale per le decisioni di affidamento.

Le obbligazioni, emesse da UBI Banca, hanno taglio minimo di sottoscrizione pari a 1.000 euro, durata 3 anni, cedola trimestrale, tasso fisso lordo pari al 3,50% per il primo e secondo anno e, per il terzo anno, un tasso variabile pari al tasso euribor tre mesi aumentato dell’1%; possono essere sottoscritte fino al 17 maggio 2013, salvo chiusura anticipata o estensione del periodo di offerta. I singoli finanziamenti, a condizioni competitive e di importo compreso tra i 15.000 e i 500.000 euro, avranno una durata massima di 48 mesi e potranno essere richiesti, a chiusura del periodo di offerta delle obbligazioni, fino al 28 febbraio 2014 salvo esaurimento anticipato del plafond. Sul territorio materano è la Banca Carime l’istituto di credito che aderisce all’accordo tra UBI Banca e Confapi Matera per il Progetto “T2 Territorio per il Territorio”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *