Il consigliere Lacorazza chiede la riapertura del confronto con i sindacati

“Si apra un vero confronto con le rappresentanze sindacali e si eviti di personalizzare lo scontro; ciò non significa avere sempre le stesse idee. Chi rappresenta le istituzioni ha una responsabilità in più e deve ascoltare le posizioni assunte in questi giorni dai sindacati, in particolare dalla UIl e dalla CGil di Basilicata, come pure nei giorni precedenti non sono mancate dichiarazioni dello stesso tenore di CIsl e Ugl”. È quanto ha dichiarato il consigliere regionale del Pd Piero Lacorazza.
“Avremmo preferito in questi anni anche maggiore sostegno ad intuizioni e proposte che poi si sono rivelate giuste e vincenti – ha aggiunto Lacorazza – senza usare il bilancino tra equilibri interni e esterni: dalla vicenda dell’art. 38 dello Sblocca Italia (petrolio) a quella dell’Arpab, dal personale delle Regione alla riorganizzazione delle governance, dalla scuola alla sanità, per fare solo alcuni esempi, abbiamo registrato posizioni di merito molto simili a quelle espresse da Fronte Democratico. In altri casi, invece, le idee espresse non sono state convergenti. Quello che non può venire meno è il confronto di merito al quale tutti siamo chiamati a dare il nostro contributo, possibilmente depurato da estremi che oscillano tra il ‘tuttoapostismo’ e il ‘benealtrismo’”.
“Stiamo entrando in una fase politica molto delicata – ha concluso Lacorazza – alimentata da tensioni elettorali e il nostro compito deve rimanere, fino all’ultimo giorno di legislatura, l’interesse dei lucani. Per questo Fronte Democratico continuerà con gli appuntamenti tematici e ripartirà da settembre chiedendo ai sindacati un confronto approfondito sul presente e sul futuro della Basilicata, dando priorità al lavoro. Siamo certi che questo nostro annuncio sarà da stimolo ad altri per avviare analoghi percorsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *