Covid e prospettive future, le dichiarazione del sindaco di Ripacandida, Sarcuno

Nel Vulture Melgese, il comune di Ripacandida e la sua amministrazione comunale pianificano programmi e strategie per il rilancio territoriale, turistico, agroalimentare e economico del comune lucano. Sarcuno, sindaco di Ripacandida: “Credevamo di essere un’isola felice invece nel giro di quindici giorni siamo passati da 1 a 37 casi. Ho emanato un’ordinanza il 15 novembre, istituendo una semi zona rossa a Ripacandida. Preoccupato per la situazione, il 21 novembre ho inviato una comunicazione al Prefetto, ASP e Presidente della regione chiedendo un intervento. Il 26 novembre è stata effettuata una campagna di screening sulla popolazione al fine di verificare le positività. Trentuno positivi attuali per cercare di monitorare la situazione abbiamo disposto l’acquisto di tamponi rapidi antigienici per un totale di 6.500 euro di cui 3.500 di provenienza comunale e 3.000 di fondi regionali. E’ stata programmata  una campagna di screening scolastico: alunni, insegnanti e collaboratori saranno sottoposti a tampone prima della riapertura delle scuole. Sarà potenziato l’organico di medici di medicina generale, per monitorare  in tempi rapidi gli assistiti. La campagna di screening riguarderà anche la casa alloggio, le forze dell’ordine, i volontari della protezione civile e i dipendenti pubblici. Non abbiamo dimenticato la programmazione strategica dalla promozione delle nostre eccellenze storiche paesaggistiche, artistiche e enogastronomiche, dopo la creazione del portale google art and culture, che ha portato il patrimonio artistico e naturalistico di Ripacandida a livelli internazionali, e la rappresentazione Ricandida terra di santi e briganti nel 2019, quest’anno abbiam0o stanziato 15 mila euro per la nascita di nuove attività econonimche, abbiamo presentato il progetto per l’ampliamento del nostro giardino storico San Francesco che rappresenterà un attrattore turistico per il comune di ripa candida. Stiamo valorizzando la figura di Suor Maria di Gesù priora del ex monastero delle carmelitane, morta nel 1803 in odore di santità e ritrovata intatta nel 1861 e nel 1981 vogliamo realizzare  un museo dedicato alla suora. Re Carlo terzo di Borbone inviava a lei i suoi ministri per consiglio. Abbiamo aderito al circuito delle Città dello zafferano, intensificato i rapporti con il Principato di Monaco e  aderito all’associazione dei comuni APPARTENENTI siti storici dei Grimaldi, con lo scopo di creare un progetto di promozione turistica internazionale che regala una possibilità di visibilità internazionale ai luoghi e ai prodotti tipici dei comuni associati. Abbiamo pensato ad un piano di recupero del borgo di Ripacandida del centro storico per renderlo ancora più bello e attraente”.

                                                                                                                                                                                      Lidia Lavecchia

Prenota il tuo pacco natalizio con i prodotti tipici allo Zafferano di Ripacandida su https://www.aziendagricolachiarito.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *