Giunta pugliese approva avvisi per lo spettacolo dal vivo

Approvati oggi, dalla Giunta regionale, gli avvisi per la presentazione di progetti triennali relativi alle attività di Spettacolo dal Vivo e delle Attività Culturali. L’obiettivo è sostenere iniziative che puntano a promuovere la cultura come componente fondamentale del territorio, come fattore di sviluppo economico sociale e di integrazione tra tradizione e innovazione nella valorizzazione delle identità e del patrimonio culturale, storico, artistico, performativo, figurativo, letterario e antropologico, materiale e immateriale.
Una nuova programmazione che si sviluppa, in coerenza con le azioni del piano strategico della cultura – PiiiLCulturaPuglia – in fase di elaborazione, in un’ottica di valorizzazione dei talenti, delle competenze e della creatività, nonché della diffusione della conoscenza attraverso servizi e tecnologie avanzate. La dotazione finanziaria è di 18.250.000 euro ed è destinata a riempire di “contenuto” i contenitori culturali non ancora sfruttati, a costruire una nuova cultura d’impresa e a generare lavoro e buona occupazione.
“Questo provvedimento – sottolinea l’assessore Loredana Capone – non è solo un bando che distribuisce una significativa quantità di risorse finanziarie a un settore strategico per lo sviluppo della regione, ma ha un vero e proprio valore di riforma. Una riforma attuata in uno spirito di concertazione con le associazioni di categoria e il Partenariato Economico Sociale. Insomma un successo di tutti. Negli spazi di manovra, che la legislazione vigente ci consente, abbiamo introdotto elementi di novità e modernizzazione del sistema di aiuti al settore della cultura e dello spettacolo che mette al primo posto il rafforzamento delle imprese, la qualità della progettualità, la triennalizzazione delle attività. Le risorse sono destinate anche ai Comuni, ai quali si chiede un salto di qualità nella programmazione culturale per uscire dalla estemporaneità e legare cultura con turismo e sviluppo locale”. Gli avvisi saranno presentati agli operatori del settore attraverso incontri territoriali e divulgati con un video tutorial.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *