Gli operatori turistici di Maratea chiedono il rispetto del cronoprogramma dei lavori lungo la strada Acquafredda-Castrocucco

Gli operatori turistici e i titolari delle attività alberghiere, ricettive, commerciali, ristorazione e servizi, associati e non al Consorzio Turistico Maratea esprimono la loro preoccupazione sul rispetto dei tempi per i lavori della strada statale 18 nel tratto Acquafredda-Castrocucco.
“Lo scorso fine settimana, nonostante le buone condizioni meteo, è stato decisamente “sotto tono” per presenze turistiche a Maratea. Inoltre le quasi nulle prenotazioni per le festività pasquali, che costringono il 90% delle strutture a non riaprire, sono indicative e allarmanti per quanto potrebbe accadere all’avvio della stagione estiva. – si legge nella nota di Biagio Salerno, presidente del Consorzio – Alla Bit di Milano dello scorso mese ci abbiamo messo la faccia per tranquillizzare tour operator, agenzie di viaggio, società di viaggi ed assicurare loro che in questa stagione estiva non ci saranno nè problemi nè disagi per raggiungere Maratea e per vivere la costa tirrenica. Ma tutto questo non si può realizzare se non dando impulso ai lavori. Temiamo che se la strada Acquafredda-Castrocucco non sarà aperta come promesso per fine maggio inizi di giugno, ci potrà essere un disastro solo economico ma anche d’immagine visti i prestigiosi riconoscimenti ricevuti in campo internazionale negli ultimi mesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *